"/>
mercoledì 23 agosto 2017 02:38:53
omnimilano

WHAT2SHARE

19 aprile 2016 start-up

Emoji, smiley, fumetti, suoni, meme, gif, foto, collage di screenshots e simpatici disegni, belli e divertenti ma che noia stare ad inserirli mentre si chatta o si scrive una mail. Ci si rinunciava spesso mancando di simpatia e freschezza, on line, fino a quando non è arrivata What2Share, una startup brianzola che rende la tastiera “un po’ speciale”. Innovativa perché permette di inserire tutto quanto detto sopra, senza staccare gli occhi dalla conversazione.
Ad inventarla é stata una coppia di giovani, meno che 30enni: Filippo Giove, ingegnere 28enne di Seveso, sviluppatore di app, e Sonia Pivetta, avvocato 26enne di Desio.

Ancora con mille idee da sviluppare e ottimizzare, hanno già declinato la propria startup ad una buona causa, “digitando” fin da subito da che parte vogliono stare. Contro il bullismo: dalla versione 1.3.1 dell’app hanno incluso contenuti riguardanti il cyberbullismo creando apposite sezioni nell’app,#nocyberbulling , per “sensibilizzare i teenagers sul tema, invitandoli a inviare messaggi positivi, non di odio, e a creare loro stessi contenuti inerenti, inviandoceli per il prossimo aggiornamento”.
Battaglie sociali così, sono ammirevoli, e ammirate, ma per i due startupper resta difficile “riuscire ad essere visibili in uno Store che offre più di 1,5M di app. Giove spiega che “occorrono migliaia di download giornalieri e, per averli, occorrono migliaia di visualizzazioni della nostra pagina dell’app Store. Per averli occorrono migliaia di euro per finanziare massicce campagna di marketing”. Ciò che non manca ai due creatori di What2Share, sono le migliaia di idee, nel  2016 vogliono rendere l’esperienza di scrittura più intuitiva e veloce, introducendo auto-completamento o correzioni automatiche, “svilupperemo un tool di creazione del proprio tema tastiera, poi, con la possibilità di ricercare, scaricare e condividere migliaia di stickers, integrando la repository Imoji”.
Continuando così What2Share renderà presto ogni tastiera un vero e proprio epicentro di servizi e prodotti per la comunicazione e la condivisione su social e app di messaggistica mettendo “a portata di mano” centinaia di emoji, anche con fumetti e volendo personalizzati, gif da pescare dalla più grande repository, giphy.com, integrata in What2Share, foto modificate e personalizzate con stickers, filtri. E anche collage di parti importanti dei propri screenshot, disegni tramite una palette grafica, effetti sonori.
Oggi sul mercato esistono tastiere specializzate o nella scrittura rapida, o nell’offrire centinaia di temi tastiera colorati o in un contenuto solo. Simili a What2Share però ce ne sono solo due e nessuna regala all’utente la libertà fantasiosa di What2Share Keyboard che “si distingue perché offre una suite di funzionalità e contenuti più ampia. E con noi è possibile sia la ricerca di contenuti di tendenza sul web, sia la creazione, tutto senza uscire dalla propria chat/social”. Un vantaggio che, chiunque ami conversare nelle chat e nei social, sa bene quanto vale. Per Giove e Pivettava le di certo la pena di continuare a sgomitare negli affollati app store.

Condividi questo articolo