"/>
sabato 18 novembre 2017 17:13:22
omnimilano

VIA RIZZOLI, GALLERA: ATS MAI ORDINATO STOP ACQUA, CONSIGLIATO A MM RIPRISTINO

27 agosto 2017 Cronaca, Politica, Sanità

“L’Ats di Milano ha informato Metropolitana Milanese che la decisione di sospendere, per qualsiasi uso, l’erogazione dell’acqua nei condomini di via Rizzoli, a causa del rinvenimento del batterio della ‘Legionella Pneumophila’, in due appartamenti, è stata inadeguata e soprattutto non richiesta dal Dipartimento di Igiene e Protezione, consigliandola pertanto di ripristinare il servizio, almeno per l’utilizzo dell’acqua fredda”. Lo comunica l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera in merito all’interruzione dell’erogazione dell’acqua nei condomini di via Rizzoli, a Milano, in seguito all’individuazione del batterio della ‘Legionella Pneumophila’, in due appartamenti.”L’Ats – ha spiegato l’assessore in una nota- mi ha riferito non solo di non aver mai richiesto a Metropolitana Milanese la sospensione dell’erogazione del servizio idrico, per qualsiasi uso, in via Rizzoli, ma di aver trovato il provvedimento adottato da Mm inadeguato,visto che il batterio della ‘Legionella Pneumophila’, si trasmette per via respiratoria, mediante inalazione di aerosol contaminato e quindi non per ingestione dell’acqua”.”Mi è stato evidenziato che – ha aggiunto – come nei tanti casi nei quali viene individuato il batterio negli impianti idrici (nel caso specifico , due campioni positivi e due negativi in due diversi appartamenti) l’Ats invia all’amministratore del condominio una nota volta alla bonifica dell’impianto secondo linee guida ministeriali che prevedono varie possibilità di trattamento chimico o fisico. Linee guida secondo le quali prima di procedere al trattamento delle acque vengano informati i condomini, al fine di evitare il rischio ustioni, in caso di trattamento termico o irritazioni, nel caso di quello chimico”. “Occorre sottolineare- conclude Gallera- che ad essere interessata è solo l’acqua calda e che il rischio di trasmissione del batterio è molto difficile e riguarda per lo più soggetti fragili già immunodepressi che si sottopongano a bagni o docce prolungati”.

Condividi questo articolo