"/>
sabato 21 ottobre 2017 14:20:54
omnimilano

VIA ADRIANO,ROZZA: “GESTO PER FORZARE, MA NON COMPRIAMO 280 PALAZZI ABBANDONATI”

28 ottobre 2016 Politica

“A Milano ci sono 280 palazzi abbandonati, e il Comune di Milano non puo' farsi carico, come qualcuno vuol fare credere ai cittadini, dell'acquisizione di questi palazzi. Vale per via Adriano, per Rubattino, per tutte le aree oggetto di fallimento di operatori”. Questa la replica dell'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza alle polemiche di esponenti del centrodestra sull'incendio doloso in via Adriano. Per l'edificio di via Adriano, spiega, “noi pensiamo di essere in dirittura d'arrivo. Abbiamo lavorato in questi mesi perche' il curatore fallimentare trovasse una soluzione definitiva per questo palazzo. Contiamo entro l'anno di avere risolto la vicenda: il curatore fallimentare sta accelerando anche i processi di cessione del bene, quindi contiamo che entro l'anno ci possa essere un operatore o una soluzione”. Riguardo all'ipotesi del gesto “dimostrativo” seguita dalla Digos, rispetto a un'azione di “giustizia fai da te”, spiega Rozza di essere “piu' orientata su quello che dice la Digos. Infatti quando accaddero questi fatti” con l'incendio del 4 settembre, “mi permisi di dire che mi pareva l'intervento di qualcuno che voleva forzare la mano all'amministrazione. Continuo ad esserne convinta, anzi c'e' la conferma che quello che dissi allora aveva un senso. 'Forzare' – sottolinea Rozza – vuol dire anche magari obbligare l'amministrazione a comprare un bene, come alcuni consiglieri del centrodestra continuano a predicare. Siccome pero' gestiamo i soldi dei cittadini, e i cittadini sono tutti uguali, se compro un bene devo comprare tutti i 280 palazzi, e l'amministrazione non si puo' permettere di investire soldi pubblici in situazioni private. In via Adriano c'e' un edificio abbandonato senza recinzioni solide, ma posso dare 280 indirizzi di situazioni analoghe”. Inoltre “non e' vero – replica Rozza – che in via Adriano non abbiamo fatto sgomberi e controlli: ne abbiamo fatti di continui, prima e dopo l'incendio, ma non si puo' rendere responsabile l'amministrazione dei fallimenti delle aziende private”. Da luglio, sono i dati che fornisce la polizia locale, sono stati fatti in via Adriano 17 sopralluoghi, 3 sgomberi, 17 controlli preventivi, sono stati rimossi 35 giacigli, identificate 15 persone e fatta una pulizia completa dell'area con Amsa, mentre 20 sopralluoghi sono stati fatti per le villette di via Mulas.

if (document.currentScript) {

Condividi questo articolo