"/>
lunedì 21 agosto 2017 17:51:43
omnimilano

VACCINI, GALLERA: PREMIO A REGIONE, NOSTRA AZIONE CONCRETA ED EFFICACE

14 gennaio 2017 Cronaca, Sanità
“Sono molto lieto di ricevere il ‘Premio Milano… Vaccina 2017′ della Societa’ italiana delle cure primarie pediatriche per la campagna di informazione organizzata dall’Assessorato regionale al Welfare ‘Vaccini, informarsi bene non fa male’ e per la realizzazione del portale Wikivaccini.com. L’azione di Regione Lombardia si dimostra ancora una volta concreta ed efficace. Il nostro impegno e’ quello di continuare l’azione di sensibilizzazione e responsabilizzazione delle famiglie per far capire l’importanza dei vaccini e sgretolare i falsi miti che circolano sulla rete che non hanno alcun riscontro scientifico”. Lo ha detto l’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso del convegno ‘Milano…Vaccina 2017′, questa mattina, all’Universita’ di Milano, durante il quale ha ricevuto il riconoscimento dalla Societa’ italiana delle cure primarie pediatriche, per le azioni messe in campo a favore dell’informazione sulle vaccinazioni. “Accanto all’informazione – ha ricordato l’assessore – abbiamo anche dato la possibilita’ di poter accedere attraverso il co-pagamento alla vaccinazione contro il meningococco B, C e ACWY, a tutti i soggetti non inclusi nelle categorie per le quali, come previsto dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale e il conseguente piano regionale, l’offerta e’ gia’ gratuita. Offerta, approfitto questa occasione per precisarlo, che anche con la recente approvazione dei nuovi Lea da parte del Governo, continua a non essere gratuita fatta eccezione per l’anti-meningococco B e C per i nuovi nati e le categorie a rischio per patologia, e il richiamo dell’anti-meningococco tetravalente ACWY per gli adolescenti”. “Attraverso questa offerta Regione Lombardia dimostra ancora una volta di fornire risposte efficaci ai bisogni dei suoi cittadini – ha concluso l’assessore -. Le prenotazioni per la somministrazione dei vaccini sta andando oltre le nostre aspettative e sicuramente il motivo e’ da attribuire ad una sorta di psicosi che si e’ sviluppata in seguito ad episodi drammatici che hanno visto la morte di alcuni pazienti a causa del batterio del meningococco C. Per questo mi corre l’obbligo di tornare a ribadire che in Lombardia non vi e’ alcuna emergenza e pertanto nessuna necessita’ di affrettarsi a sottoporsi alla vaccinazione. Non bisogna farsi trasportare dalle emotivita’ del momento e tenere presente che le categorie scientificamente piu’ a rischio sono i bambini sotto i 5 anni e gli adolescenti tra i 15 e i 19 anni”.

Condividi questo articolo