"/>
martedì 21 novembre 2017 16:26:39
omnimilano

Triennale, presentato concept XXII Esposizione Internazionale: come il design ‘salva’ il rapporto uomo-natura

13 novembre 2017 Cultura

Sarà dedicata alla natura e a ciò che il design può fare per ricostruire il rapporto con essa la XXII edizione dell’Esposizione internazionale che si terrà alla Triennale dall’1 marzo all’1 settembre 2019. Il concept è stato presentato oggi in via Alemagna proprio dalla curatrice Paola Antonelli che ha lavorato al Moma di New York. Attraverso il tema dell’esposizione si vuole avviare una riflessione sul ruolo del design nella ricerca di un nuovo equilibrio tra uomo e natura offrendo spunti e strumenti per ripensare le abitudini e gli stili di vita. Secondo Antonelli, nel design contemporaneo etica ed estetica possono convivere e prosperare e “Broken Nature: design takes on human survival” proporrà esempi di design con un loro spessore morale, senza che questo comporti una mortificazione estetica. Attraverso una serie di opere su commissione e prestiti, la mostra evidenzierà come gli approcci del design non siano finalizzati solo a correggere il corso autodistruttivo dell’umanità, ma anche a ricostruire il nostro scambio con il contesto naturale in cui siamo nati. Il sindaco Giuseppe Sala ha ammesso di avere “molte aspettative” per questa 22esima edizione che, secondo lui, “deve essere la Triennale della svolta” visto che “non credo che quella precedente abbia soddisfatto le aspettative della città”. Da qui “la scelta di una curatrice di questo livello che assicura la collaborazione con il Moma”. Per Sala la Triennale deve essere dedicata molto più al design e all’urbanistica che all’arte contemporanea alla quale sono dedicati altri luoghi della città. In questo “Milano può portare un grande contributo alla Triennale e viceversa la Triennale deve contribuire al momento di Milano” perché “andiamo verso un secolo che sarà il secolo delle città”, ha concluso. E infatti anche per l’assessore regionale alle Culture Cristina Cappellini l’esposizione “si inserisce in un contesto di grande fermento culturale”. Per il sottosegretario al ministero dei Beni culturali Ilaria Borletti Buitoni Broken nature “è un tema che aprirà le menti di chi verrà a visitare questa esposizione”.

Condividi questo articolo