"/>
domenica 22 ottobre 2017 10:21:00
omnimilano

Trezzano, incendio all’ex Scapa: prime analisi Arpa rassicuranti, non coinvolta copertura in eternit

13 ottobre 2017 Cronaca

Sono ancora sul posto con tre mezzi i vigili del fuoco a Trezzano Sul Naviglio per concludere le operazioni di spegnimento dell’incendio che ieri ha coinvolto un capannone di oltre 5mila mq in disuso dell’ex Scapa Italia. Sul posto anche Arpa e Carabinieri. Saranno poi effettuati dei controlli, è stato ipotizzato il rischio amianto. Secondo i vigili del fuoco, sul posto c’era materiale di ogni tipo. Nessuna persona è rimasta coinvolta. Le cause dell’incendio sono da chiarire, i primi mezzi sono intervenuti alle 15.30 circa di ieri. Il sindaco di Trezzano sul Naviglio, Fabio Bottero, ha disposto nella tarda serata di ieri la chiusura delle scuole e comunicato ai residenti di tenere le chiuse porte e finestre di case e attività commerciali per le giornate di oggi e domani e la sospensione della raccolta e consumo dei prodotti ortofrutticoli coltivati. Con un post su Facebook, stamani, Bottero ha comunicato che l’incendio è stato spento ma che al momento non sono ancora disponibili le analisi dell’Arpa sulla tossicità delle sostanze andate a fuoco. “Alcune misurazioni durano anche 24 ore perciò i risultati arriveranno in seguito. Oggi l’area sarà presidiata”, spiega il sindaco.

ARPA: PRIME ANALISI SULL’ARIA RASSICURANTI – Nel corso della mattina, l’allarme è però rientrato come comunicato da Arpa: “Concluso ora l’intervento in emergenza di Arpa nel capannone dismesso della ditta ex Scapa Geneaz Alimentari in via Cellini colpito dall’incendio nella giornata di ieri. Dopo i primi dati rassicuranti sui contaminanti, tra cui ammoniaca e monossido di carbonio, inferiori ai livelli minimi di allarme – spiega Arpa con una nota -, è stato prelevato anche il primo filtro del campionatore ad alto volume, posizionato vicino alla stazione della Polizia Locale in prossimità di alcune abitazioni. Il filtro è ora nei laboratori di Arpa per le relative analisi ai fini della determinazione di IPA, PCB e Diossine e bisognerà aspettare 72 ore per i risultati post emergenziali. Non ci sono stati crolli del tetto e la copertura in eternit, diversamente da quanto ipotizzato nelle prime ore dell’incendio, non è stata interessata perché sopra le lastre ne erano state posate altre di diverso materiale”. “L’emergenza è rientrata – ha spiegato anche il sindaco di Trezzano Fabio Bottero – e i risultati delle prime analisi appaiono rassicuranti: la campionatura dell’aria effettuata dai Vigili del Fuoco non ha rilevato la presenza di sostanze pericolose, si dovrà comunque aspettare almeno 72 ore per attendere i risultati delle analisi di Arpa (su pcb, diossine, idrocarburi policiclici e aromatici). Ripeto comunque, gli enti ci dicono che l’emergenza è entrata, non c’è pericolo per i cittadini e anche le attività produttive e commerciali possono ripristinare l’aerazione previa verifica del caso”.

Condividi questo articolo