"/>
lunedì 23 ottobre 2017 17:12:50
omnimilano

Tre tassisti rapinati in quattro giorni
Carabinieri arrestano due pregiudicati

7 gennaio 2016 Cronaca

Arrestati due rapinatori di tassisti ieri sera in zona De Angeli dai carabinieri della stazione di San Cristoforo, si tratta di un 36enne romano e di un 23enne milanese, entrambi con numerosi precedenti alle spalle per rapina. Il maggiore, Valerio M., è stato riconosciuto da un tatuaggio a salamandra sul lato sinistro del collo, è “specializzato” nel rapinare tassisti ed è stato riconosciuto colpevole di tre rapine negli ultimi 4 giorni: una il 3, una il 4, e quella di ieri sera a cui è seguito l’arresto. Scarcerato il 21 dicembre 2015 faceva avanti e indietro dal carcere dal 2003 ed era attualmente sottoposto al regime di sorveglianza speciale presso una abitazione di via Nikolajevka. Il rapinatore più giovane, Orlando Valerio I., avrebbe commesso solo la rapina di ieri, ma ha anche lui precedenti per rapine a negozi e persone nel milanese.
Il bottino totale delle rapine è stato stimato essere di circa 2mila euro tra contanti e oggetti. Le prime due rapine, il 3 e il 4 gennaio, ha agito solo il 36enne, salendo a bordo dei taxi sul sedile anteriore ed è fuggito a piedi senza ferire i tassisti. La prima volta ha chiamato personalmente, ha minacciato la vittima con una forbice facendosi consegnare contanti e orologio. La seconda volta, il giorno seguente, si è fatto chiamare il taxi da un bar, ha usato un coltello per minacciare il conducente e gli ha prelevato contanti e telefono. Ieri sera assieme al complice ha preso il taxi in piazza De Angeli attorno alle 21 e il conducente ha obbligato entrambi a salire sul sedile posteriore nonostante il tentativo di uno dei due di posizionarsi davanti. Utilizzando una forbice i rapinatori si sono fatti consegnare 260 euro in contanti, poi hanno fatto scendere la vittima dalla vettura prelevandogli due giubbotti e due cellulari. Il tassista riuscito a fuggire chiedendo aiuto presso il ristorante i 3 camini di via Fratelli Zoia. I carabinieri dalle descrizioni dei responsabili e delle modalità sono risaliti al 36enne raggiungendolo e arrestandolo in via Nikolajevka, nel cortile di casa sua. Il rapinatore aveva con sè uno dei cellulari rubati, lo stava resettando. Durante l’arresto dell’uomo, poi riconosciuto dalle vittime del 3 e 4 sera, nel cortile è comparso il suo complice con i due giubbotti appena rubati ed è stato arrestato. Ora sono entrambi a San Vittore accusati di rapina aggravata in concorso.

Condividi questo articolo