"/>
lunedì 21 agosto 2017 18:02:02
omnimilano

Terremoto, dalla Lombardia 161 unità di soccorso per le zone colpite

24 agosto 2016 Cronaca

“Dalla Lombardia sono giunte o stanno arrivando nei territori terremotati gia’ 161 unita’ di soccorso: 45 cinofili, 106 vigili del fuoco e 10 sanitari” questi i numeri forniti da Simona Bordonali, assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia in merito alla macchina dei soccorsi lombarda impegnata sui territori terremotati del Centro Italia. “In mattinata sono partiti con elicottero sanitario di AREU due unita’ cinofile e un tecnico di soccorso alpino, gia’ in azione in loco dal primo pomeriggio ad Amatrice. Sono partite nel primo pomeriggio tre unita’ cinofile dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri e, su richiesta del Dipartimento di Protezione civile, anche una trentina di unita’ cinofile appartenenti a diverse associazioni bresciane. Un’altra decina partira’ questa sera” ha aggiunto Bordonali. “Come spiegato dell’assessore Gallera – prosegue -, Areu e il sistema sanitario lombardo hanno gia’ messo a disposizione le prime 40 unita’ di sangue e confermano i 66 posti letto di rianimazione e chirurgia presso gli ospedali lombardi, e la disponibilita’ di 20 sale operatorie”. E’ prevista la partenza alle ore 20 con elisoccorso della prima squadra (due medici e due infermieri) USAR (Urban Searche and Rescue, unita’ di soccorso e ricerca in ambiente urbano) a supporto delle analoghe USAR dei Vigili del fuoco di Milano (in totale 106 vigili del fuoco da 8 comandi) e la seconda e’ in partenza domattina. “Confermo inoltre che Regione Lombardia ha messo a disposizione in caso di necessita’ due moduli completi e autosufficienti da 250 posti ciascuno per assistenza alla popolazione ed e’ in attesa della loro eventuale attivazione da parte del Dipartimento. Mettiamo a disposizione anche il personale tecnico e amministrativo a supporto delle amministrazioni comunali coinvolte dal sisma”.

LA SOLIDARIETÀ DI CARITAS – «Partecipiamo al lutto e alla sofferenza che hanno colpito, con la disgrazia del terremoto, gli abitanti di diversi paesi del Lazio e delle Marche. E lo facciamo con la preghiera e la vicinanza di affetto a tutti gli uomini e le donne coinvolte in questa sciagura. Ci stringiamo in un abbraccio di comunione ai vescovi di Rieti monsignor Domenico Pompili e di Ascoli Piceno monsignor Giovanni d’Ercole. Per queste popolazioni ci impegniamo con le opere di misericordia, aderendo alla colletta proposta a tutta la chiesa italiana dalla Conferenza Episcopale per domenica 18 settembre e, da subito, attraverso Caritas ambrosiana e altre strutture diocesane, sia per l’invio sul luogo del sisma di operatori e volontari, sia per una specifica raccolta di fondi per il primo aiuto». Lo ha dichiarato oggi l’Arcivescovo di Milano, il cardinale Angelo Scola, dopo aver appreso del grave terremoto che nella notte ha colpito il Centro Italia producendo un numero ancora impreciso di vittime e danni.
«Stiamo seguendo l’evolversi della situazione, le notizie sono ancora molto frammentarie, ma da quello che siamo riusciti ad apprendere gli effetti delle scosse, potenti e superficiali, sono stati molto gravi: decine le vittime già accertate, molte le case crollate. Ponti e strade interrotti rendono per di più difficili le operazioni di soccorso. Nelle prossime ore avremo un’idea più chiara e potremo avviare un piano di intervento coordinandoci con Caritas italiana e le altre Caritas diocesane. Ma sin da ora vogliamo far sentire la nostra solidarietà. Per questa ragione stanziamo un prima somma di 50mila euro e invitiamo i fedeli a dare il proprio contributo», ha detto Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana. E’ possibile donare con carta di credito dal sito di Caritas Ambrosiana www.caritasambrosiana.it oppure sul C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus – Via S.Bernardino 4 – 20122 Milano; C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578; C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT51S0558401600000000064700; C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT97Q0335901600100000000348; Causale: emergenza terremoto centro Italia 2016.

Condividi questo articolo