"/>
lunedì 19 febbraio 2018 01:03:37
omnimilano

Tempo di libri, l’8 marzo al via la seconda edizione a Fieramilanocity: orario apertura prolungato

14 febbraio 2018 Cultura

Torna Tempo di Libri, la fiera internazionale dell’editoria, dal 8 al 12 marzo. Una nuova location, per la seconda edizione, direttamente nel cuore di Milano, nei padiglioni 3/4 di Fieramilanocity. Oltre al nuovo direttore, Andrea Kerbaker, una delle principale novità sarà l’apertura anche serale della manifestazione, fino alle 22 “per consentire anche a chi esce dall’ ufficio di godere delle manifestazione”. La cinque giorni dedicata al libro sarà organizzata in giornate e filoni tematici: donne, ribellione, Milano, libri e mondo digitale saranno i protagonisti e le parole chiave intorno a cui sono costruiti gli eventi delle cinque giornate del libro. Oltre 650 appuntamenti, 900 autori, 400 espositori accolti nelle 14 sale dei 35mila mq dei padiglioni. Una kermesse ‘contaminata’ in cui si darà spazio anche alla cucina, alla musica, alla scienza che prenderà il via il 7 febbraio con una festa inaugurale in cui gli studenti universitari leggeranno centinaia di ‘Incipit’ – da cui prende il nome l’opening party – di libri e romanzi famosi. “È un momento di ripresa felice per il mondo dei libri e per editoria” Riccardo Franco Levi, presidente dell’Aie e de La Fabbrica del Libro, la newco nata per l’occasione tra Fiera Milano e Aie. “Gli italiani che leggono sono più del 60 per cento, quindi più della metà, anche se non siamo ancora ai livelli di altri pesi”, ha specificato. “Tempo di libri si inserisce nella creatività di Milano” ma si inserisce nel panorama internazionale, con”il gemellaggio con Francoforte”, ha concluso rivelando che sarà il ministro Valeria Fedeli a inaugurare l’evento.
Nella passata edizione della fiera del libro, a Rho Fiera “manifestavo ottimismo ma anche qualche paura”, ha detto il sindaco Giuseppe Sala intervenendo alla presentazione . “La scorsa edizione è stata importante per mettere a punto tutto e arrivare ad oggi dove io sono convintamente ottimista. La location e la data quest’anno ci favoriranno, sarà una edizione di successo”. La manifestazione si apre al pubblico nella giornata della festa delle donne, motivo per cui sarà occasione per firmare un patto contro la violenza tra le tante ospiti, e scrittrici proprio insieme al sindaco, a Simona Lembi, Daria Colombo e Geppi Cucciari. Il 9 marzo, giorno a tema “ribellione”, si aprirà con uno spunto storico particolare: il ‘68 e i suoi movimenti giovanili. Tra gli ospiti Ezio Mauro e Yasmine El Rashidi – che affronteranno il tema delle rivoluzioni russa e araba – e anche l’ex sindaco Giuliano Pisapia. L’arcivescovo monsignor Delpini e il cardinale Scola saranno tra gli ospiti del 10marzo, giorno dedicato alla città. “A Milano l’editoria è molto importante” e “tutto ciò che la può inserire in una cornice internazionale: la città non può fare un passo indietro sull’internazionalizzazione, deve essere una vera metropoli nel mondo”, ha ribadito Sala. “La Cultura ha dato a Milano una dimensione di fierezza. Tempo di libri ha ruolo fondamentale e che si legga di più va veramente bene”, ha concluso.
Il governatore Roberto Maroni ha assicurato che sarà all’inaugurazione della kermesse: “Sara forse la mia ultima presenza istituzionale come governatore. Lombardia tra le tante eccellenze è anche regina dell’editoria, il 28 per cento dei libri pubblicati in Italia sono pubblicati in Lombardia – ha spiegato durante la conferenza stampa – vogliamo diffondere la cultura del libro e del piacere di leggere. Quest’anno abbiamo l’obiettivo di superare il numero visitatori dello scorso anno e credo proprio che ce la faremo”.

Condividi questo articolo