"/>
martedì 22 agosto 2017 20:54:08
omnimilano

Start up, 570 imprese nate con bandi e incubatori promossi dal Comune

28 dicembre 2016 Economia, Politica

A cinque anni dalla nascita, l’83% delle start up avviate grazie ai bandi comunali è ancora in attività – quasi il doppio della sopravvivenza media nazionale che è del 44%- e ogni euro di contributo arrivato da Palazzo Marino ne ha generati 43. Si tratta di un fatturato complessivo di 314 milioni in quattro anni a fronte di un investimento di 7,1 milioni da parte del Comune. I dati sono quelli dell’indagine condotta dall’Assessorato alle Politiche per il Lavoro, Attività Produttive e Commercio sulle oltre 570 imprese e start up sorte dal 2012 ad oggi grazie agli incubatori di impresa e bandi dedicati. Lo studio, che si basa su un campione di 382 attività, è stato presentato questa mattina dall’assessore Cristina Tajani durante un incontro per illustrare le azioni a sostegno dell’imprenditoria portate avanti dall’amministrazione. Al ritorno economico delle start up si aggiunge poi quello occupazionale con 1.291 soci lavoratori delle 570 imprese ai quali vanno aggiunti circa 5.500 dipendenti in quattro anni di attività. “I risultati raggiunti rappresentano la migliore cartina tornasole per giudicare l’efficacia delle politiche dell’amministrazione – ha osservato l’assessore – per stimolare la nascita di nuove imprese e occupazione abbiamo sempre agito su un doppio binario: l’impulso all’apertura di nuove imprese di vicinato soprattutto in periferia e il sostegno ai moderni incubatori d’impresa dove coltivare start up a vocazione tecnologica”. Con l’ultimo bando da 1,5 milioni di euro, dal nome “Startupper” chiuso la scorsa estate, è stato inoltre ricordato durante l’incontro, sono stati individuati altri 21 progetti, 16 ‘firmati’ da donne, e l’80% dei quali presentato da under 35. Sei sono in zona Corvetto, 4 a Villapizzone, 3 a Lorenteggio e Giambellino, 2 in zona Barona e 1 a Morsenchio, 2 in zona Bicocca-Greco, 1 a Bruzzano, 1 in Bovisa e 1 in zona Certosa. Tra i ‘temi’ privilegiati dall’amministrazione per i progetti che partiranno nel 2017 il recupero delle attività manifatturiere nelle aree urbane.}

Condividi questo articolo