"/>
mercoledì 13 dicembre 2017 17:47:46
omnimilano

SPORT, IL 19 MARZO TORNA LA STRAMILANO

2 marzo 2017 Cronaca, Sport
Il 19 marzo partirà la 46esima edizione della Stramilano, “una delle corse cittadine più antiche” di Milano, come ha spiegato l’assessore comunale allo Sport Roberta Guaineri. Anche quest’anno saranno tre le corse: la Stramilanina da 5 chilometri e quella da 10 che partiranno da piazza Duomo e la mezza maratona da 21 che partirà da piazza Castello. Tutte e tre le corse si concluderanno, come di consueto, all’arena civica. Per partecipare è possibile iscriversi online fino al 13 marzo. L’anno scorso sono state oltre 60mila le presenze e quest’anno si spera di replicare. Quest’anno a fare da madrina è l’atleta paralimpica Giusy Versace che sarà alla partenza “a tifare per lo sport” e che ha parlato della corsa come un “momento di integrazione non solo per i disabili, ma anche per le famiglie perché aiuta a incrementare le relazioni umane”. Inoltre, ha aggiunto, “il 19 marzo è la festa del papà e vorrei vedere tanti papà correre con i figli”, anche perché “è l’occasione per ammirare la bellezza di questa città”. Presente alla presentazione della gara podistica in sala Alessi anche il sindaco Giuseppe Sala che ha invitato a “prendere la Stramilano non solamente come momento in cui tanti appassionati decidono in una giornata speriamo soleggiata di correre, ma come esemplificazione di quello che Milano vuole essere: una città aperta, in cui ambiente e sport siano più centrali. Io sarò con voi alla partenza”, ha assicurato. A questa “grandissima festa” parteciperà anche l’assessore regionale allo Sport Antonio Rossi insieme “agli amici dell’unione ciechi e ipovedenti”. Anche l’esercito italiano sarà presente con circa “un migliaio dei suoi uomini e donne”, ha spiegato il generale di brigata Maurizio Riccó del corpo di reazione rapida della Nato e ci sarà la fanfara dei bersaglieri. Due trofei saranno istituiti per ricordare il capitano Massimo Ficuciello e il capitano Riccardo Bucci caduti rispettivamente in Iraq e Afghanistan. Nell’edizione di quest’anno verrà ricordato anche Fabio Cappello, il giovane morto durante l’edizione scorsa al termine della 21 chilometri. Alla presentazione della corsa era presenti il papà e il fratello Luca che lo ha ricordato come “uno sportivo vero”.

Condividi questo articolo