"/>
martedì 22 agosto 2017 09:09:26
omnimilano

SOLIDARIETÀ,AL VIA ISCRIZIONI PER VOLONTARIATO STUDENTESCO IN REPARTI PEDIATRICI

16 novembre 2016 Cronaca

Sono aperte le iscrizioni per il Volontariato Studentesco per per promuovere buone pratiche di cittadinanza attiva tra i giovani delle scuole superiori di Milano e dell'area metropolitana. L'iniziativa è organizzata da Cuore e Parole Onlus e promossa dall'Ufficio Scolastico Regionale – Ambito di Milano. Dal 2010 Cuore e parole Onlus organizza il Volontariato Studentesco con oltre 500 ragazzi presso i reparti pediatrici delle aziende ospedaliere Fatebenefratelli-Sacco e Niguarda di Milano e Guido Salvini di Garbagnate Milanese.
Domani, giovedì 17 novembre, per celebrare la Giornata Internazionale dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza, presso l’Educandato Setti Carraro Dalla Chiesa, via Passione 12, a Milano, dalle ore 9 alle ore 12.30, si svolgerà un evento di presentazione dell'iniziativa, a cui partecipano Marco Bussetti, direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale – Ambito di Milano, Alberto Martelli, primario del reparto di Pediatria dell'ospedale di Garbagnate Milanese, Elisabetta Turano, coordinatrice del volontariato presso la Pediatria dell'ospedale Niguarda, Corrado Celata, educatore dell'Azienda per la Tutela della Salute di Milano, Cristina Mastronardi, psicologa e psicoterapeuta (Associazione EMDR), Mario Furlan, fondatore dei City Angels, e altri operatori e associazioni di volontariato del territorio. Coordina l'incontro Paola Brodoloni, fondatrice di Cuore e Parole Onlus.
“Il progetto di Volontariato Studentesco – spiega Paola Brodoloni – è nato sei anni fa perché ci siamo resi conto di come sia davvero necessario per i ragazzi, durante l'età della Adolescenza, guardarsi attorno e imparare ad aiutare gli altri, soprattutto quelli più piccoli e fragili. Così è nata la collaborazione con i reparti pediatrici degli ospedali, che è davvero molto preziosa. I ragazzi che si dedicano a questa esperienza generalmente ne escono davvero entusiasti e rafforzati nella loro autostima perché si rendono conto subito che fare volontariato non vuole dire solo dare ma anche ricevere: un bambino che ride e si diverte è una grande soddisfazione, molto gratificante. In questo modo i ragazzi crescono consapevoli del fatto che la nostra società può migliorare se tutti noi ci impegniamo in prima persona e diventiamo cittadini più attivi e responsabili.”

d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);

Condividi questo articolo