"/>
mercoledì 23 agosto 2017 02:23:47
omnimilano

SILICON VALLEY NELL’AREA EXPO, PRESENTATO PROGETTO DI CYBER PARCO

18 maggio 2016 Cronaca

Una silicon valley nell'area Expo. È questa l'idea presentata dall'associazione no profit Cyber Parco oggi alla Triennale. Si tratta di un polo di eccellenza dedicato ad aziende, start up e centri di ricerca attivi nel settore della sicurezza informatica sulla scia di due modelli: l'israeliano Advances Technology Park e lo statunitense Bwtech@Umbc research and technology park. L'obiettivo del progetto è creare anche in Italia un'area dedicata ai soggetti attivi nel settore della sicurezza informatica, come volano di investimenti nazionali e internazionali. Secondo i numeri forniti dall'Osservatorio metropolitano, infatti, gli attacchi informatici in Italia sono in aumentati del 30% nel 2015 rispetto al 2014 e rimediare ai danni costa alle aziende 400 miliardi di dollari l'anno. Questo fa si che il settore della cyber security sia in netto aumento, con un mercato in crescita del 2% nel 2015. Per questo, la cyber security sarebbe davvero “un elemento strategico di sviluppo economico”, come recita il titolo dell'incontro. Tra i partecipanti, anche il presidente del consiglio regionale Raffaele Cattaneo che ha esordito con una battuta:”vedere questo incontro così partecipato in questo periodo senza nemmeno un candidato è significativo dell'importanza dell'incontro”. Per Cattaneo, se si vuole agganciare lo sviluppo economico “dobbiamo coniugare la capacità creativa propria del nostro popolo con la domanda di prodotti del mondo”. Per farlo, non bisogna puntare solo sull'intervento pubblico, ma “valorizzare la rete di start up innovative e imprese che hanno un valore formidabile”. C'è bisogno, dunque, “di un pubblico che sa investire sulle capacità del privato”. Cattaneo è d'accordo anche sulla proposta di collocare l'eventuale parco nell'area Expo perché “human technopole nasce per essere un incubatore per tutte le scienze umane”.
Il progetto presentato oggi, ha spiegato Lorenzo Mazzei di Cyber Parco, “è aperto alla collaborazione di istituzioni, università, aziende, professionisti” e chiede, per essere avviato, supporto sotto forma non solo economico, ma anche di incentivi e focalizzazione di fondi di investimento nel settore. In chiusura, l'assessore regionale all'università e Ricerca Luca Del Gobbo ha annunciato l'istituzione di un “gruppo di lavoro interdisciplinare sul tema della cyber security la cui prima convocazione sarà il 20 giugno. Cercheremo insieme – ha spiegato l'assessore – di trovare insieme una risposta a questa sfida epocale”. A questo, Del Gobbo ha aggiunto che il progetto di legge sulla ricerca e l'innovazione che non e ancora andato in giunta è “online sul portale open innovation cosicché ogni cittadino possa partecipare”.

Condividi questo articolo