"/>
sabato 22 luglio 2017 21:04:53
omnimilano

Sicurezza, parte da San Siro la sperimentazione dei vigili di quartiere: Rete con cittadini e commercianti”

10 luglio 2017 Cronaca, Politica

È partita oggi da piazza Selinunte, nel cuore di San Siro, la sperimentazione del progetto dei vigili di quartiere che, da oggi e per tre settimane, andrà avanti in 9 quartieri scelto dai municipi per poi venire estesa a 27 quartieri a settembre. I ghisa di prossimità andranno in bicicletta in pattuglie di tre persone dalle 7,30 alle 20 e avranno il compito di allacciare un rapporto con la comunità e gli operatori sul territorio. A San Siro sarà a disposizione anche un comando mobile, un autoveicolo dotato di telecamere collegate alla centrale di piazza Beccaria. La sperimentazione serve per tarare il servizio: “Non crediamo di aver reinventato nulla – ha spiegato il sindaco Giuseppe Sala che oggi era presente alla partenza della prima pattuglia -. Stiamo mettendo a punto un sistema e adattandolo al momento. Tornerò qui a inizio agosto e raccoglierò le opinioni dei cittadini. Facciamo le cose con attenzione e umiltà e accettiamo suggerimenti da chi vive sul territorio per mettere a punto il sistema. Siamo convinti che chi vive qui ne sappia più di noi, per questo abbiamo voluto vigili volontari che sentissero questo tipo di necessità di essere dialoganti”. Presente in piazza Selinunte anche l’assessore alla Sicurezza Carmela Rozza: “Il progetto – ha detto – è un work in progress. In questo quartiere i vigili che pattuglieranno saranno 3 al mattino e 3 al pomeriggio, prenderanno contatti con commercianti, portineria e cittadini e ci diranno a settembre come meglio tarare il servizio. A settembre raccoglieremo anche i commercianti e i cittadini e valuteremo”. Intanto, “per tutto il mese di luglio il comando mobile sarà fisso in piazza Selinunte e sarà a disposizione dei cittadini per segnalazioni, denunce, come servizio di prossimità. Contemporaneamente le pattuglie dei vigili hanno diviso il quartiere a spicchi e faranno itinerari quotidiani per la copertura di tutto il quartiere tra mattino e pomeriggio”. Rozza e Sala hanno cercato di rassicurare i cittadini preoccupati per il degrado: “Se siamo qui – ha detto Rozza – è perché riteniamo che questo sia un quartiere difficile. Noi con questo servizio intendiamo costruire una rete con cittadini e commercianti e garantire serenità durante tutto il giorno nei giardini e nei parchi. I controlli serali e l’abusivismo sono un altro tema su cui non molleremo. La bacchetta magica non ce l’ha nessuno però è iniziata una collaborazione con Aler perché gli interventi di un certo peso vanno fatti insieme e la polizia locale non può fare nulla da sola”. Il sindaco ha approfittato della visita per ascoltare i cittadini: ha fatto un giro al mercato comunale ed è andato a prendere un caffè al bar di proprietà di una signora che voleva esprimere le sue preoccupazioni.

Condividi questo articolo