"/>
venerdì 18 agosto 2017 11:00:01
omnimilano

Sfotware pirata, finanzieri ispezionano 116 aziende: 57% irregolari, sanzioni per 4 mln di euro

6 ottobre 2016 Cronaca

Sequestrati più di mille software pirata in tutt’Italia: è il risultato dell’operazione “UNDERLI©ENSING 2” condotta dalla Guardia di finanza su 116 aziende sull’intero territorio nazionale, ispezionate dalle fiamme gialle. Sono stati denunciati 71 responsabili aziendali e sequestrati oltre 1.200 prodotti software illecitamente utilizzati, nonché state contestate sanzioni amministrative pecuniarie per circa 4 milioni di euro. L’operazione, in coordinamento con il Nucleo Speciale Tutela Proprietà Intellettuale, ha visto l’esecuzione dei controlli affidati agli “specialisti” della Guardia di Finanza, dislocati presso ogni Nucleo di Polizia Tributaria ed appositamente formati quali “C.F.D.A. – Computer Forensics Data Analysis”, esperti nell’esaminare e rilevare anche i contenuti più remoti e nascosti nelle memorie virtuali dei supporti informatici. Al termine delle ispezioni, nel dettaglio, sono 71 le persone denunciate per violazioni della normativa sul diritto d’autore. Presso le sedi delle aziende ispezionate sono stati sequestrati oltre 1.200 prodotti privi di regolare licenza, per un controvalore commerciale di almeno due milioni di euro e circa 400 apparati hardware, tra computer ed hard-disk. L’indagine ha fatto emergere che il 57% delle società controllate utilizzava software illegali, percentuale questa – sottolineano i finanzieri – addirittura superiore alle già non incoraggianti stime dell’ultimo Global Software Survey di BSA, diffusa lo scorso maggio a livello mondiale, che assegnava all’Italia un tasso di pirateria in calo e collocato al 45%.

Condividi questo articolo