"/>
domenica 23 aprile 2017 10:03:40
omnimilano

Sciopero Atm: quattro ore di stop per le metropolitane. In serata raggiunto accordo fra Comune e sindacati

È terminato alle 12,45 lo sciopero indetto dalle organizzazioni sindacali FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI, UGL, FAISA-CISAL, ORSA, SAMA-FAISA e CUB Trasporti. La circolazione delle 4 linee metropolitane e dei mezzi di superficie ha ripreso progressivamente sull’intera rete, comunica Atm.

LA LETTERA DEI SINDACATI AI CITTADINI – I sindacati hanno illustrato ieri con una lettera distribuita ai milanesi le ragioni dell’agitazione. “Scioperiamo per il futuro della mobilità e per la garanzia occupazionale di migliaia di persone”, spiegano. Perché? Nel volantino si legge che “Milano rischia di perdere il suo sistema di trasporti”, che “è a rischio la mobilità dei lavoratori, dei cittadini, degli studenti” visto che “c’è chi pensa di frantumare i trasporti di Milano e venderli”. La lettera è stata firmata da tutte le sigle sindacali e spiega che “siamo coscienti che scioperare nei servizi di trasporto significa arrecare un disservizio a tutti i lavoratori e ai cittadini che utilizzano i mezzi pubblici”. Però – si legge – “se siamo arrivati a questo punto non è per rivendicare un aumento salariale ma perché viene messa in discussione la qualità del servizio oggi garantito da Atm sul nostro territorio. Il comune di Milano ha deciso una divisione dei servizi che oggi consentono la mobilità di migliaia di persone, avviando un percorso che potrà portare allo spezzettamento del sistema della mobilità a discapito dei cittadini milanesi, una condizione che rischia di affidare ad aziende medio piccole il servizio del trasporto pubblico locale gettando Milano in uno stato confusionale in cui più aziende potrebbero gestire il tpl nelle diverse zone di Milano, una situazione in cui garantire l’integrazione oraria diverrebbe pressoché impossibile con il pericolo dell’impossibilità di fare i necessari investimenti indispensabili per garantire la qualità del servizio. Noi chiediamo che il comune di Milano garantisca l’unicità di tutti i servizi di mobilità atta verso una gara a unico lotto per evitare la spartizione del business fra più aziende che comprometterebbe la qualità del servizio stesso. Per questo chiediamo che il gruppo Atm venga messo in condizioni di partecipare a un’unica gara evitando il dumping fra più soggetti ed il rischio della perdita di migliaia di posti di lavoro. Vogliamo che l’attuale servizio fornito ai cittadini venga garantito senza ulteriori ridimensionamenti dei chilometri che sarebbero un ulteriore impoverimento del trasporto pubblico. La qualità del trasporto fa di Milano una città europea. Non vogliamo che questo venga cancellato. Il 5 aprile – concludono i sindacati nella lettera – scioperiamo per il futuro di Milano, anche per te”.

L’ACCORDO. In serata i sindacati hanno raggiunto un accordo con l’amministrazione. “Si è chiuso dopo sei ore d’incontro – spiega in una nota la Filt Cgil – l’accordo tra Organizzazioni Sindacali e Comune di Milano. L’accordo prevede la riunificazione dei servizi della Mobilità come richiesto dalle Organizzazioni sindacali. Inoltre nel documento il Comune di Milano indica la modalità del Lotto Unico di gara come via preferita per l’assegnazione del servizio in caso di gara. L’accordo prevede la garanzia dell’occupazione di tutti i dipendenti ATM e degli attuali livelli retributivi della Contrattazione di Primo e Secondo Livello. Il Comune di Milano per quanto di sua competenza procederà ai conseguenti atti normativi. Infine viene istituito un Tavolo Permanente sul futuro del Trasporto Pubblico Locale. Un ottimo risultato frutto della mobilitazione dei dipendenti ATM e della disponibilità del Comune di Milano”.

Condividi questo articolo