"/>
domenica 19 novembre 2017 15:24:28
omnimilano

Sanità, arrestato il leghista Fabio Rizzi
Maroni: “Sono ferito, non vogliamo coprire nessuno”

16 febbraio 2016 Sanità

Il governatore interviene in aula: in manette il consigliere del Carroccio presidente della commissione sanità e tra gli artefici della riforma lombarda approvata negli ultimi mesi

“Non vogliamo coprire nessuno, non abbiamo nessuno da difendere, chiunque abbia sbagliato ne rispondera”. Lo ha detto il presidente della Regione Roberto Maroni intervenendo in Consiglio regionale dopo l’arresto del consigliere leghista – e presidente della Commissione sanita’ – Fabio Rizzi. “Questa vicenda che mi ha ferito personalmente per i rapporti che avevo con Fabio Rizzi mi da’ la forza per intensificare l’azione di governo nel settore” della sanita’.  Maroni ha parlato di una “cosa che fa male e disturba” e che “puo’ far pensare che quello che stiamo facendo non va bene” e invece, ha detto “sono convinto che dobbiamo continuare a fare quello che facciamo da inizio legislatura per garantire trasparenza, regole e controlli, ovvero quello che io ho voluto fare con la riforma della sanita’”.

L’indagine “Smile” ha consentito di ricostruire come un gruppo imprenditoriale abbia turbato in proprio favore l’aggiudicazione di una serie di appalti pubblici – banditi da diverse Aziende Ospedaliere per la gestione, in outsourcing, di servizi odontoiatrici – corrompendo i funzionari preposti alla gestione delle gare.
Nel corso delle indagini sono stati ricostruiti episodi corruttivi nei confronti di 10 soggetti investiti di funzioni pubbliche, condizionamenti nell’aggiudicazione e nello svolgimento di appalti indetti da Aziende Ospedaliere della Lombardia, nonché analoghe ingerenze nelle procedure di contrattazione con importanti strutture sanitarie private accreditate con il Sistema Sanitario Nazionale.

Condividi questo articolo