"/>
mercoledì 25 aprile 2018 16:34:27
omnimilano

Salone del Mobile, Gentiloni inaugura 57esima edizione. Sala: “Creatività è nel dna dei milanesi”

17 aprile 2018 Cronaca, Economia, Politica

Riapre le porte il Salone del Mobile, appuntamento imprescindibile del settore a livello internazionale, e vetrina per eccellenza di creatività, innovazione e qualità. La 57 a edizione, al via oggi e in programma fino al 22 aprile negli spazi di Fiera Milano, a Rho, “riparte dai valori fondanti della Manifestazione e dal suo profondo legame con Milano” Quest’anno infatti, spiega una nota, pilastro dell’evento è il suo primo Manifesto: un patto di intenti finalizzato a canalizzare le forze che nel capoluogo possono lavorare insieme per mantenere il ruolo di leadership della manifestazione e della città, oltre che attrarre pensieri, progetti, risorse nuove. “Guardando alle migliaia di persone che affollano tutti i giorni i padiglioni è facile comprendere come il Salone del Mobile Milano non sia solo una semplice fiera, ma un’esperienza globale e un’emozione che richiama aziende, creativi, comunicatori e professionisti da ogni parte del mondo. Proprio per questa forza attrattiva, il Salone del Mobile è una grande risorsa per il Sistema Italia, concentrando in un unico momento e in un unico luogo l’eccellenza innovativa di pensiero e di prodotto.” afferma Claudio Luti, Presidente del Salone del Mobile.  All’inaugurazione, questa mattina, erano presenti anche il premier Paolo Gentiloni, il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, il presidente della Regione Attilio Fontana e il sindaco Giuseppe Sala.  “Ho girato in lungo e in largo il territorio della nostra regione nelle settimane della campagna elettorale – ha detto Fontana – e ho riscontrato quanto siano numerose le nostre eccellenze. Un tessuto economico e industriale che ci induce a fare squadra con iniziative come il Salone del mobile e consolidare e incrementare le politiche gia’ avviate per sostenere l’innovazione, la ricerca, l’internazionalizzazione delle nostre imprese, con l’impegno da parte nostra a sburocratizzare come tutti gli imprenditori ci hanno chiesto”. “E’ un ambito su cui siamo gia’ impegnati – ha proseguito – perche’ siamo convinti che sgravando gli imprenditori dagli impegni burocratici possano dedicarsi con maggiore energia al loro lavoro”. Sala, anche attraverso i suoi canali social ha invece sottolineato che “Milano senza il Salone perderebbe un pezzo importante della sua identità: questo evento è parte della nostra città perché la creatività è nel dna dei milanesi”, via twitter, ha aggiunto: “Ci aspettiamo 400mila visitatori e abbiamo ricevuto richieste per oltre 500 spazi pubblici per allestimenti. A questo momento positivo devono partecipare tutti, non possiamo essere una città per pochi: i milanesi sono pronti a fare la loro parte e ad accogliere”.

Condividi questo articolo