"/>
sabato 21 ottobre 2017 10:51:47
omnimilano

Saldi, prima giornata di acquisti “prudenti”
Poche code davanti a griffe Quadrilatero

5 gennaio 2017 Cronaca

Compere sì, ma con prudenza. Si apre senza grandi folle il primo giorno di saldi. Le file davanti alle vetrine delle grandi griffe di via Montenapoleone sono infatti un lontano ricordo e, poco prima delle 10, davanti a Gucci, una delle boutique che negli anni precedenti veniva solitamente presa d’assalto dai clienti italiani ma soprattutto stranieri, si nota solo una signora bionda e italianissima. Alle 10 in punto la cliente solitaria viene raggiunta da una decina di persone, in fila in attesa dell’apertura. Lo stesso spettacolo si ripete davanti alle vetrine degli altri grandi marchi che hanno sede nella famosa via dello shopping. Più affollate via Torino e corso Vittorio Emanuele, transennato all’ingresso, dove lo shopping è più a buon mercato e i clienti si aggirano con buste e sacchetti già intorno alle 11. Grandi cartelli cercano di attirarli comunicando la percentuale di sconto che verrà applicata sui capi. Non ci sono grandi folle, ma il flusso sembra costante, aiutato forse dalla giornata di sole e le commesse delle grandi catene ritengono che il pienone sarà domani, quando il giorno festivo spingerà tante famiglie a uscire o addirittura dopo il ponte, quando i milanesi rientreranno dalle vacanze. Per oggi si notano soprattutto giovani ragazze che approfittano degli ultimi giorni di pausa prima di rientrare a scuola per fare degli acquisti. La previsione di FederModaMilano (Confcommercio Milano) è, per Milano, di un valore complessivo delle vendite di 432 milioni di euro, con un acquisto medio a famiglia di 362 euro e a persona di 167 euro. Su Milano e area metropolitana FederModaMilano stima in almeno il 2% il calo delle spese per ogni famiglia rispetto ai saldi invernali 2016. Gli sconti medi per questi saldi invernali milanesi – stima FederModaMilano – saranno del 40%.

Condividi questo articolo