"/>
mercoledì 18 luglio 2018 11:01:58
omnimilano

REGIONE, DE CORATO: “INCENTIVEREMO CONTROLLO VICINATO, A PARTIRE DA CASE ALER”

23 giugno 2018 Senza categoria

“In Italia, l’importante trasformazione sociale ed economica intervenuta negli ultimi 20 anni ha comportato, come in moltissimi Paesi europei, una pressante richiesta di sicurezza da parte dei cittadini. Regione Lombardia ha fatto propria questa domanda del territorio attraverso l’istituzione di una missione del Programma Regionale di Sviluppo dedicata alla sicurezza”.
Così ha esordito oggi, nel corso di un convegno all’istituto San Gaetano di via Mac Mahon a Milano, l’assessore regionale alla Sicurezza e Polizia Locale, Riccardo De Corato. “Nel corso della legislatura verranno promosse e finanziate iniziative ed interventi in materia di sicurezza urbana, anche in attuazione della l.r. 6/2015, da realizzarsi in accordo con i Comuni, per incrementare il controllo dei luoghi più a rischio, attraverso la promozione della vigilanza nei quartieri con gravi problemi di degrado urbano e disagio sociale, anche con l’installazione di videocamere. Regione Lombardia conta circa 1500 comuni, un territorio con più di 10 milioni di abitanti, un’orografia complessa, un esteso reticolo stradale e produttivo ed una presenza migratoria sempre più elevata. In accordo con gli enti più prossimi ai residenti, ovvero i Comuni, l’Assessorato alla Sicurezza di Regione Lombardia vuole incrementare i gruppi di “Controllo del vicinato” quali organizzazioni informali di vigilanza locale, che decidono di condividere informazioni e responsabilità per vigilare sulla “sicurezza” del posto dove abitano, e chiamare la polizia nel caso notino qualcosa di sospetto. Regione non vuole lasciare solo il cittadino e riconosce che solo attraverso un organico e articolato impiego di risorse e settori può ottenere risultati apprezzabili in particolare nei luoghi più a rischio. Il controllo di vicinato consente il coinvolgimento attivo e permette la “riappropriazione” del territorio da parte dei residenti contenendo così fenomeni di insicurezza anche solo percepita da parte dei cittadini. In questi primi mesi di lavoro del mio Assessorato alla Sicurezza sto attivamente lavorando per costruire una collaborazione interistituzionale per dare modo ai cittadini di riappropriarsi degli spazi comuni e garantire nel contempo maggiore serenità, per essere concreti, cominciando soprattutto dai residenti negli stabili ALER”, così ha concluso l’assessore De Corato.

Condividi questo articolo