"/>
martedì 21 agosto 2018 15:44:01
omnimilano

Regionali, Berlusconi lancia Fontana per la volata finale: “Capace di continuare buon governo Lombardia”

25 febbraio 2018 Politica, Regionali

Il candidato governatore: “In questa campagna elettorale ritrovato l’entusiasmo del centrodestra dei tempi d’oro”

Silvio Berlusconi e Attilio Fontana assieme sul palco del Teatro Manzoni, questa mattina, per un’evento organizzato da Forza Italia. A una settimana dal voto, l’ex premier ha lanciato la corsa finale del candidato governatore “è una persona serissima e capace che ci assicura con sua presidenza in Regione di continuare il buon governo della Lombardia”, ha detto e scherzando ha poi suggerito a Fontana  di farsi ricrescere la barba in caso di vittoria.
“In questa campagna elettorale ho ritrovato l’entusiasmo del centrodestra dei tempi d’oro che vinceva ovunque”, ha invece detto Fontana “Si è creata una chimica magica – ha continuato – che dobbiamo mantenere perché senza il centrodestra non si va da nessuna parte”.“Se è vero che dobbiamo cambiare il governo centrale, dobbiamo anche conservare quello regionale” perché “da 23 anni è in mano al centrodestra e da 23 anni siamo la regione migliore del paese e tra le migliori in Europa. Dobbiamo fare un altro piccolo passo e diventare la migliore regione d’Europa, in questa legislatura ce la possiamo fare” ha concluso.
In un comizio fiume di oltre due ore dal palco del teatro Manzoni, Berlusconi ha poi riproposto ai militanti e simpatizzanti di Forza Italia (molti rimasti fuori dalla sala, piena oltre i limiti di sicurezza) alcuni punti del programma. Oltre alla flat tax – che ha spiegato “costerà per il primo, il secondo e il terzo anno; bisognerà trovare 50milioni il primo, 40 milioni il secondo e 30 per il terzo, ma poi andrà a regime” – anche l’iva: “Un avviso alle folle – ha detto – noi non aumenteremo l’iva né nel 2018 né nel 2019”, ha detto ricevendo applausi dalla platea. E ancora, “no all’imu agricola, no all’imposta sulle successioni e alle donazioni in vita”; abolizione dell’Irap, perché “solo noi abbiamo questa tassa, che io chiamo ‘imposta rapina’ e la pagano anche imprese che sono in perdita”. Anche la Costituzione ha bisogno di riforme, secondo il Cavaliere: “i cittadini italiani hanno il diritto di eleggere il capo dello Stato”, ha detto aggiungendo che sulla carta costituzionale bisogna prevedere “il vincolo di mandato”. Spazio anche alle donne, con l’introduzione del codice di difesa dei diritti delle donne – perché “la sinistra se ne è disinteressata: ha tolto finanziamenti ai centri antiviolenza”, ha spiegato – e alle mamme che “hanno diritto a una vecchiaia serena e dignitosa: a 67 anni anche a loro una pensione di mille euro”, ha spiegato. Infine i giovani: per migliorare l’occupazione giovanile Berlusconi ha pronto “un decreto legge con cui diamo alle imprese completa defiscalizzazione e decontribuzioni per i primi tre anni se assumono giovani disoccupati”.

Condividi questo articolo