"/>
lunedì 20 novembre 2017 19:59:18
omnimilano

“Macchina pronta” per 7,8 milioni di lombardi. Verifiche e “prove di voto” su 25mila tablet

21 ottobre 2017 Autonomia, Politica

“La macchina è pronta” per lo svolgimento del Referendum per l’Autonomia della Lombardia. Lo assicura l’assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, Gianni Fava, coordinatore dell’azione della Giunta regionale per il Referendum. Si vota solo domani, dalle 7 alle 23, recandosi nei seggi tradizionali, muniti di un documento di identita’. Il Referendum per l’Autonomia si svolge, per la prima volta in Italia, con modalita’ di voto elettronico e riguarda 7.897.056 elettori, 1.523 Comuni, 3.263 edifici sede di voto e 9.224 sezioni elettorali. Ogni seggio e’ composto da un presidente, tre scrutatori e un segretario. In 550 seggi gli scrutatori sono quattro per l’abbinamento della sezione a seggio speciale o volante. Sono 24.700 le Voting Machine, attraverso le quali gli elettori esprimeranno il loro voto e “sono in grado di funzionare anche in mobilita’ e di memorizzare i voti degli elettori in modo sicuro su memorie asportabili al termine delle votazioni”, ricorda l’assessore. Tutte sono dotate di stampante per la verbalizzazione dei voti in fase di scrutinio e almeno 1.300 hanno anche un’urna integrata (non gestita dall’elettore) per la verifica incrociata dei voti memorizzati (ogni voto espresso viene stampato e conservato nell’urna). E’ previsto un servizio di assistenza ai seggi di voto, con la presenza di 6.300 tecnici in loco (almeno uno per ogni edificio sede di seggio). I tecnici offriranno supporto al personale per tutte le operazioni di allestimento del seggio e installazione e preparazione delle Voting Machine fino al riversamento dei dati contenuti nelle memorie usb nel sistema approntato da Regione Lombardia. Oltre al personale in loco, l’assistenza e’ garantita da un call center, che coordinera’ l’attivita’ dei tecnici e rispondera’ alle richieste prima, durante e dopo il voto: fino al 23 ottobre e’ attivo il numero del call center 800.861.431 per l’assistenza tecnica agli Uffici elettorali dei Comuni e ai presidenti di seggio, oggi dalle 8 alle 22, domani dalle 6 alle 24, lunedi’ dalla mezzanotte alle 20. Per informazioni sul Referendum per l’Autonomia della Lombardia i cittadini potranno chiamare il numero verde 800 318 318, gratuito da rete fissa, o lo 02 3232 3325 da rete mobile e dall’estero a pagamento, al costo previsto dal proprio piano tariffario. Il servizio e’ attivo oggi dalle 8 alle 20 e domani dalle 7 alle 24. “Al fine di consentire verifiche maggiori circa la regolarita’ del voto espresso sono state sorteggiate 453 sezioni, corrispondenti al 5% degli elettori aventi diritto al voto in ogni provincia e nella Citta’ metropolitana, in cui oltre al voto elettronico e’ affiancata anche la stampa dello stesso” fa sapere l’assessore. I seggi forniranno l’affluenza degli elettori alle urne domenica alle ore 12 e alle ore 19 e alla chiusura delle operazioni di voto

Ultimi adempimenti ai seggi

Al via gli ultimi adempimenti istituzionali, oggetto di circolare destinata a tutti Comuni, per lo svolgimento del referendum per l’autonomia della Lombardia. Come comunica la Regione, gli ultimi adempimenti di oggi prevedono la consegna da parte del sindaco al presidente dell’Ufficio di sezione degli oggetti e degli stampati occorrenti per la votazione e lo scrutinio. Alle ore 16 la Costituzione dell’Ufficio elettorale di sezione da parte del Presidente; l’installazione e inizializzazione degli apparecchi elettronici da parte del Presidente dell’ufficio di sezione, con l’assistenza di un tecnico informatico autorizzato, la verifica del funzionamento e dell’integrita’ degli apparecchi, anche mediante prova di voto, e assenza di voti gia’ espressi. Poi la comunicazione dell’orario della raccolta del voto a domicilio alle persone autorizzate, e la scadenza del termine per la presentazione di domanda, da parte dei naviganti che si trovano fuori dal Comune di iscrizione elettorale per motivi di imbarco, di votare nel Comune in cui si trovano.

Gli adempimenti di domani, domenica 22 ottobre, sono la presentazione ai Presidenti degli Uffici elettorali di sezione delle designazioni dei rappresentanti che non fossero state presentate in precedenza al segretario comunale; l’accertamento, da parte del Presidente dell’Ufficio di sezione, dell’integrita’ degli apparecchi elettronici e l’attivazione del test per la verifica della funzionalita’ del sistema e l’assenza di voti gia’ espresso. Dalle ore 7 alle ore 23 lo svolgimento delle operazioni di voto; alle 23 la chiusura della votazione ed inizio delle operazioni di riscontro e di scrutinio del referendum.

In 17 Comuni al voto anche per referendum di fusione

Contestualmente al Referendum per l’Autonomia, domani 17 Comuni lombardi sono interessati dallo svolgimento di 6 referendum di fusione. Lo ricorda in una nota l’assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, coordinatore dell’azione della Giunta regionale per il Referendum. I Comuni sono, in provincia di Como, Albiolo (2 sezioni ordinarie), Rodero (1 sezione ordinaria) e Valmorea (2 sezioni ordinarie); Cernobbio (6 sezioni ordinarie), Moltrasio (2 sezioni ordinarie) e Carate Urio (1 sezione ordinaria); San Fedele Intelvi (2 sezioni ordinarie), Casasco d’Intelvi (1 sezione ordinaria) e Castiglione d’Intelvi (1 sezione ordinaria); Introzzo (1 sezione ordinaria), Tremenico (1 sezione ordinaria), Vestreno (1 sezione ordinaria) in provincia di Lecco; Camairago (1 sezione ordinaria) e Cavacurta (1 sezione ordinaria) in provincia di Lodi; Pieve di Coriano (1 sezione ordinaria), Revere (3 sezioni ordinarie) e Villa Poma (2 sezioni ordinarie) in provincia di Mantova.

 

Condividi questo articolo