"/>
sabato 19 agosto 2017 09:15:33
omnimilano

Rapinano banca per 50mila euro
Arrestati ‘specialisti’ colpi in trasferta

30 aprile 2016 Cronaca

Arrestati in fragranza di reato dalla Squadra Mobile di Milano due rapinatori in trasferta, pregiudicati calabresi ,per un colpo da 50mila euro messo a segno in una banca di credito cooperativo di Rivanazzano Terme (Pavia). Si tratta del 35enne Sebastiano Agrillo, uscito dal carcere al luglio 2015 dove era finito per una rapina commessa a Prato, e il 27enne Alexandro Di Mauro, anch’egli uscito dal carcere da meno di un anno. Vivono entrambi in Calabria, hanno precedenti per spaccio e rapina, girano per il Nord Italia colpendo istituti bancari precedentemente individuati, agiscono a volto scoperto, senza armi, a volte con delle parrucche.
Le indagini che hanno portato all’arresto, avvenuto il 27 aprile scorso, sono durate meno di una settimana. Gli agenti della Squadra Mobile hanno iniziato a pedinare “alla vecchia maniera” la coppia dopo averla sorpresa il 20 aprile con delle parrucche sospette in auto nei dintorni del CAMM. Erano in quella zona per acquistare cocaina usufruendo del giro di spaccio oggetto di arresti prioprio la scorsa settimana effettuati dal commissariato di Polizia di Melegnano.
Dopo alcuni giri in Lombardia e in Toscana, il 27 aprile i due calabresi sono arrivati a Rivanazzano e hanno rapinato una delle 5 banche che si affacciano alla piazza centrale del paese fuggendo con 50mila euro a bordo di una Fiat Panda. Gli agenti sono arrivati sul posto poco dopo e li hanno bloccati a pochi km arrestandoli e recuperando tutti i contanti. Come loro abitudine i due rapinatori erano entrati nella banca verso le 15.30 a viso scoperto e senza armi, avevano sequestrato una dipendente chiudendola in bagno aspettando assieme al collega l’apertura della cassaforte temporizzata per una ventina di minuti. Presi i contenti erano poi fuggiti, illesi entrambi i dipendenti.
Arrestati i due uomini per rapina gli agenti della Squadra Mobile stanno effettuando accertamenti per individuare eventuali altre rapine a loro carico verificatesi sul territorio lombardo.
red

Condividi questo articolo