"/>
venerdì 23 febbraio 2018 01:26:30
omnimilano

QUALITÀ VITA, CONSIGLIO COMUNALE PROMUOVE LABORATORIO IDEE “MILANO 2046”

15 dicembre 2017 Politica
  Un laboratorio per progettare e immaginare il futuro: è “Milano 2046”, iniziativa voluta dal Consiglio comunale che per 18 mesi studierà come migliorare il ‘benessere equo sostenibile’ dei cittadini. L’obiettivo è di migliorare la qualità della vita dei milanesi dei prossimi anni, ragionando e migliorando i 12 indicatori del benessere che compongono il BES (Benessere Equo Sostenibile) indicatore che affianca il Pil nel bilancio dello Stato e misura l’effetto delle politiche pubbliche sulla popolazione. “La politica ha bisogno di strumenti di conoscenza per programmare il proprio futuro – ha spiegato a margine ella presentazione, Lamberto Bertolè, presidente del consiglio di Palazzo Marino – proporremo alle istituzioni e alla città scelte possibili e per creare una cultura del futuro, che è fondamentale. La qualità della vita è il primo indicatore per misurare l’efficacia delle politiche”. L’iniziativa sarà caratterizzata da incontri e interviste a diversi attori sociali della città (come associazioni, imprese, università) e si baserà sui metodi di indagine Delphi, che prevede interviste a campione su circa 300 cittadini, riguardanti ognuno degli indicatori bes (dall’ambiente, alla salute, l’istruzione, il lavoro, sicurezza e diverse altre tematiche). L’ambizione è quindi quella di restituire alla città e soprattutto a chi ha poteri decisionali indicazioni per la progettazione di strategie e di politiche pubbliche. “Milano 20146” avrà un comitato di indirizzo composto da diversi esperti: oltre a Bertolè ne fanno parte Enrico Giovannini, ex ministro delle politiche del lavoro durante il governo Letta, Carlo Sini, filosofo, il demografo Alessandro Rosina, l’esperto di nuove tecnologie Francois de Brabant, e quello della qualità dei servizi Ruggero Lensi, Chiara saraceno, Sociologa,Sergio Sorgi esperto di welfare, Silvia Ivaldi, psicologa del lavoro, Francesca Bertè, sociologa e Giuseppe Manforte, per il campo dei disagi giovanili.

Condividi questo articolo