"/>
giovedì 17 agosto 2017 09:55:41
omnimilano

Prima della Scala, con biglietti dei consiglieri acquistati beni prima necessità per detenuti

28 gennaio 2016 Cultura, Politica

Da ingressi gratuiti alla Prima della Scala per i politici, a oggetti di prima necessità per i detenuti delle carceri milanesi: la “rinuncia” da parte degli assessori e dei consiglieri di palazzo Marino ai biglietti omaggio del 7 dicembre ha fruttato nel 2015 circa 90mila euro, di cui un terzo, 30mila euro, si è trasformato in prodotti per l’igiene e vestiario per gli ospiti di San Vittore, Bollate e Opera. È il rendiconto presentato stamani in sottocommissione Carceri a palazzo Marino. “A ottobre 2014 – spiega il presidente Alessandro Giungi del Pd – Patrizia Quartieri di Sel ed io abbiamo depositato un ordine del giorno in Consiglio comunale, poi approvato, in cui si chiedeva che un terzo del ricavato della vendita dei biglietti della Prima della Scala, destinati a assessori e consiglieri comunali, fosse destinato ad acquistare materiali per l’igiene personale e vestiario per i detenuti indigenti delle carceri milanesi. Una esigenza che era stata segnalata da molti, in primis dalla Garante dei detenuti, Alessandra Naldi e dai consiglieri Mirko Mazzali e Lamberto Bertolé. Oggi c’è stata la puntuale rendicontazione di come sono stati spesi questi 30mila euro: sono stati acquistati e consegnati migliaia di prodotti per l’igiene personale, migliaia di capi di biancheria e centinaia di scarpe e capi di abbigliamento. Tutti destinati a detenuti in stato di indigenza, come identificati uno ad uno dalle direzioni delle Carceri. Anche nel 2016 si ripeterà questa destinazione del terzo del ricavato della vendita dei biglietti della Prima della Scala. Oggi per me è una bella giornata”. Gli altri due terzi sono destinati ad altre attività benefiche.

Condividi questo articolo