"/>
venerdì 22 settembre 2017 06:44:16
omnimilano

Pride, una settimana di iniziative e 24 giugno corteo con lo slogan “Diritti senza confine”

7 giugno 2017 Cronaca, Politica
“Al crescere di movimenti e ideologie che esaltano i confini portando avanti idee di chiusura al “diverso” e allo “straniero”, noi ribadiamo con forza la nostra volontà di costruire una città ed un paese sempre più aperti ed inclusivi insieme ad altre richieste che come movimento continuiamo a fare a chi ci governa. Migliaia di persone sfileranno unite dietro al grido di “Diritti senza confine”, consapevoli che confini culturali e geografici portano molto spesso a decretare distanza e diversità tra persone, atteggiamento che per la nostra comunità ha spesso significato emarginazione e discriminazione”. Così le associazioni LGBT del Coordinamento Arcobaleno e il C.I.G. Arcigay Milano presentano la ‘piattaforma’ del Milano Pride di quest’anno, in programma il 24 giugno con un corteo che partirà alle 15,30 da Piazza Duca d’Aosta e, passando per Corso Buenos Aires, giungerà a Porta Venezia. “Il Pride – sottolineano gli organizzatori – è una manifestazione inclusiva di tutta la comunità LGBTQIA che ci porterà ad animare la città di Milano dal 17 al 25 giugno con gli eventi della Pride Week. Sarà una settimana ricca di eventi culturali, sociali e sportivi legati dal filo rosso del rispetto e della valorizzazione delle differenze che, nella passata edizione, ha visto ben 80 eventi organizzati da 40 associazioni quotidianamente impegnate nel territorio milanese.
“Nelle tre giornate di giovedì, venerdì e sabato (22-24 giugno), Porta Venezia diventerà ancora più “arcobaleno” con la Pride Square, il village cittadino aperto a tutta la città, che vede – ormai da cinque anni – il coinvolgimento di decine fra associazioni, istituzioni e attività commerciali”. Per l’intera settimana che precede la parata (17-25 giugno) previsto un “programma di spettacoli, eventi culturali e dibattiti politici. Le iniziative della Pride Week saranno diffuse su tutto il territorio cittadino e vedranno la collaborazione di decine fra associazioni, istituzioni culturali e attività commerciali”.

Condividi questo articolo