"/>
venerdì 17 novembre 2017 22:21:22
omnimilano

Rinasce Cascina Casottello: diventerà polo culturale e sociale

23 ottobre 2016 Cronaca

Laboratori di fotografia e cucina, lezioni di lingua, corsi finalizzati alla realizzazione di una radio di quartiere, una ludoteca, una biblioteca multiculturale, un cineforum, oltre a spazi polifunzionali per accogliere eventi culturali e una sala dedicata alle associazioni della zona. Un luogo, insomma, che si propone di diventare un polo culturale sensibile ai bisogni del quartiere, in dialogo con il Municipio 4. Così Palazzo Marino riguardo a Cascina Casottello, struttura rurale situata nel cuore di Porto di Mare, pronta a rinascere grazie alla convenzione firmata tra il Comune di Milano e l’Associazione Temporanea di Scopo (ATS) composta dall’Associazione Socio Culturale Sunugal e da Fate Artigiane Cooperativa Sociale.
L’ATS si è infatti aggiudicata il bando pubblico con cui l’Amministrazione assegnerà l’immobile per una durata di 15 anni per la riqualificazione e la realizzazione di un progetto di coesione sociale. La cascina era di proprietà del Consorzio del Canale Milano Cremona Po ed è stata sede di un’attività di ristorazione, poi per lungo tempo è rimasta occupata abusivamente anche da persone che subaffittavano le stanze in condizioni igienico-sanitarie precarie. Nel 2013 il Comune ha acquisito l’immobile, dando esecuzione allo sfratto degli occupanti abusivi precedentemente predisposto dal Consorzio. Successivamente la cascina è stata assegnata in custodia temporanea a un’associazione del terzo settore allo scopo di prevenire ulteriori occupazioni. Ora Cascina Casottello ha finalmente un progetto, che prevede il recupero della struttura rurale e la sua rifunzionalizzazione attraverso nuovi servizi, spazi di aggregazione e attività proposte dal Municipio 4.
I lavori saranno divisi in due fasi: la prima terminerà a novembre 2017, la seconda entro ottobre 2018. Gran parte delle attività previste potranno essere avviate già in seguito al termine dei lavori della prima fase.
“Il recupero di Cascina Casottello – sottolinea l’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura, Pierfrancesco Maran – rappresenta non solo la volontà di valorizzare il patrimonio rurale presente in città, ma anche un importante tassello nel processo di rigenerazione territoriale di Porto di Mare intrapreso dall’Amministrazione”.
“Il progetto si propone di sfruttare al meglio le caratteristiche architettoniche della cascina, che dispone di molti spazi che si prestano a svolgere attività in contemporanea. Ci piacerebbe dar vita a un nuovo polo culturale per la zona, un Bene Comune che sia in grado di tornare alla città di Milano tra 15 anni e continuare a crescere.” aggiunge Modou Gueye, Presidente dell’Associazione Sunugal.
La cascina rientra nelle grandi aree di proprietà del Consorzio del Canale Milano Cremona Po acquisite nel 2013 dal Comune di Milano, che da allora ha avviato una serie di attività finalizzate a sgomberare insediamenti abusivi, recuperare immobili abbandonati o degradati, attuare le verifiche ambientali necessarie a verificare lo stato di salubrità dei suoli, regolarizzare i contratti di locazione di alcune attività produttive o sportive esistenti.
Sempre a Porto di Mare il Comune interverrà su Cascina Nosedo: per anni ammalorata e oggetto di occupazioni abusive, la struttura diventerà un grande polo agricolo d’eccellenza grazie ai contributi recentemente ottenuti nell’ambito del bando “Urban Innovative Actions”, finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR). L’Amministrazione sta inoltre procedendo nelle valutazioni per lo sviluppo di un piano urbanistico per il quartiere da condividere con il territorio.

Condividi questo articolo