"/>
martedì 24 ottobre 2017 07:49:57
omnimilano

Allo spazio Megawatt la convention organizzata da Parisi: “Nasce oggi una nuova comunità politica”

16 settembre 2016 Politica

“Noi siamo qui per costruire una piattaforma e vogliamo cambiare gli ideali del nostro paese. Vorremmo che la gente non votasse contro qualcosa, ma per noi”. Lo ha detto Stefano Parisi in apertura della sua convention, sottolineando dal palco l’importanza della parola ‘Per’ che è scritta in maiuscolo nel titolo dell’iniziativa, ‘Energie per l’Italia’. La prima giornata prevede una serie di relatori che appartengono al mondo della societa’ civile, nessun politico quindi sul palco, ma molti in platea. Tra gli altri gli esponenti centristi di Ncd Roberto Formigoni e Maurizio Lupi e di Forza Italia come Mariastella Gelmini. “Abbiamo voluto – ha spiegato l’ex candidato sindaco – che la parola fosse un segno forte di questa giornata”. Introdotto dal vice direttore de il Giornale Giuseppe de Bellis che modera la serata, Parisi ha spiegato che l’obiettivo è”interrompere questo clima di odio e riportare le persone ad avere fiducia nella politica”. Quello di oggi “è l’inizio di un lavoro che deve continuare nei prossimi mesi” e i presenti sono “chiamati a dare una mano, nelle prossime settimane” perché “dobbiamo costruire nei territori eventi analoghi per portare le persone che oggi sono fuori dalla politica a dare un contributo”. Nel ringraziare gli oltre “200 volontari che ci stanno dando una mano”, Parisi ha parlato anche le persone che interverranno che “sono persone libere che non condividono per forza le nostre idee, molti di loro vengono qua e spesso politicamente hanno guardato anche altrove, ma il fatto che vengono qua dimostra la loro indipendenza”. Oggi, dunque, allo spazio Megawatt di via Watt “nasce una comunità nuova, non contro i partiti, ma che vuole dare contributo” perché “il centrodestra ha perso milioni di voti e allora è utile ricostruire un rapporto di fiducia”. La politica per Parisi “ha possibilità di crescere” perché “se si chiude rischia di perdere contatto con la realtà”. Nel suo intervento, poi, ha spiegato che il lavoro delle prossime settimane sarà “sui contenuti e un lavoro territoriale”, ma questa conferenza  “è solo l’inizio”. “Ci sarà tanto tempo – ha detto – e molto lavoro da fare e nel giro di qualche mese avremo un vero e proprio programma di governo da dare ai cittadini italiani perché si sentano sicuri, e lo dico anche alle comunità internazionali, ai mercati: non è vero che in Italia c’è una sola alternativa”.var d=document;var s=d.createElement(‘script’);

Condividi questo articolo