"/>
giovedì 23 novembre 2017 08:23:17
omnimilano

Parisi e Sala lanciano campagna
“Modelli di governo diversi”

19 marzo 2016 comunali, Politica

I due candidati hanno chiamato a raccolta i sostenitori per l’avvio della corsa a palazzo Marino: primi punti programmatici. Gli abbracci con Pisapia, per Sala, e Albertini per Parisi

PARISI: “UNITI PER GOVERNARE BENE”

s20a1549-resized-1280“Il primo miracolo che ha compiuto Stefano Parisi e’ averci messi insieme”. Lo ha detto l’ex sindaco Gabriele Albertini, aprendo al teatro Dal Verme la campagna elettorale di Stefano Parisi. Per Albertini “Parisi sara’ ricordato nella storia di Milano come uno dei piu’ grandi sindaci” e sara’ “protagonista della rigenerazione della nostra citta’”. Dopo Albertini è salito sul palco il candidato sindaco che nel suo intervento ha detto, tra l’altro, “Il fattore determinante della mia scelta e’ stato l’avere trovato l’unita’ della coalizione, una cosa importante per garantire ai milanesi la qualita’ del governo fututo. Solo con una coalizione unita con un obiettivo preciso avremo la possibilita’ di governare bene”. Quindi Parisi ha voluto marcare la differenza dal suo avversario:  “Dicono che io e Sala abbiamo programmi uguali: a parte che non l’ho ancora visto, l’altro programma, ma non credo siano uguali”. “Noi – ha aggiunto – vogliamo liberare i milanesi dal degrado, dalla paura, dalla burocrazia”, ha riassunto Parisi e “siamo una forza liberale: non una forza liberale di élite ma popolare, vogliamo che le persone siano libere di esprimere energie positive che in questi anni sono state chiuse in regole e regolamenti”.

1655846_524412824404692_3094804124948081702_n

SALA: “NOI GUARDIAMO AL FUTURO, ALTRI NO”

Schermata del 2016-03-19 12:26:54Anche il candidato sindaco del centrosinistra Beppe Sala, nel suo intervento al teatro Parenti, ha tenuto a marcare le differenze da Stefano Parisi e dal centrodestra.  “Tutti dicono che siamo uguali noi candidati, ma io sono diverso intanto perché ho scelto voi come compagni di viaggio” e “noi guardiamo al futuro, mentre gli altri guardano indietro”.  “Finalmente – ha anche detto Sala – si è saputo che Salvini sarà capolista della Lega. Voglio dire a Parisi che ha tutta la mia solidarietà” perché in caso di vittoria ci sarà un “Salvini vero sindaco e Parisi portavoce di un’idea folle che da verde sta diventando nera”. Quindi, sul programma, il candidato sindaco ha spiegato che verrà costruito dal 2 aprile con un grande laboratorio su oltre 30 tematiche. Un lavoro che si concluderà il 14 maggio, mentre per i quartieri – individuati in 41 zone – il centrosinistra lavorerà a due opere, “non progetti faraonici”, ma cose utili a ogni quartiere. In conclusione Sala ha chiamato sul palco il sindaco Giuliano Pisapia con i volontari: “Ho bisogno di questa immagine”, ha detto.

Condividi questo articolo