"/>
venerdì 26 maggio 2017 05:40:16
omnimilano

MOVIDA, COMITATI IN ASSEMBLEA: BENE LEGGE MINNITI SU SICUREZZA URBANA

6 maggio 2017 Senza categoria

Il decreto Minniti, il degrado dei centri storici, la tutela della salute di residenti e frequentatori. Questi i temi all’ordine del giorno della quarta assemblea annuale del Coordinamento Nazionale No Degrado e Mala Movida che si è tenuta oggi al Cam di Corso Garibaldi. Si tratta di un organo formato da una quarantina di associazioni di tutta Italia (per esempio Milano, Roma, Bologna, Andria, Palermo) che condividono l’obiettivo di difendere le città dal degrado e dalla movida incontrollata. Il coordinamento nasce nel 2014 con lo scopo di fare rete per avere una forza maggiore per esercitare un’azione di lobby sul governo riguardo a questi temi. I comitati si sono riuniti oggi, per la seconda volta a Milano, per confrontarsi sulle azioni che ognuno nel proprio centro ha messo in atto. Al centro della discussione la conversione in legge del decreto Minniti sulla sicurezza urbana. Sebbene si riconosca che il decreto non fornisce comunque “uno strumento di azione diretta”, “finalmente le amministrazioni si mettono dalla parte dei cittadini”, spiega Franco Spirito, presidente dell’associazione Pro Arco Sempione. Tra gli aspetti positivi che si riconoscono al decreto che porta la firma del ministro dell’Interno anche “i maggiori poteri di ordinanza dati al sindaco e l’apertura a nuove assunzioni di vigili urbani, fino ad ora bloccate”, chiarisce la presidente nazionale del Coordinamento Simonetta Chierici. È dunque “un piccolo passo avanti nella teoria, bisogna vedere se verrà applicato”. Quella della movida incontrollata rappresenta una “emergenza nazionale”, aggiunge Chierici, per tre ordini di motivi: i danni alla salute dei residenti, quelli alla salute dei fruitori dei locali che sono sempre più minorenni che consumano alcol e il danno ai centri storici e ai monumenti. “A Milano – conclude Chierici che presiede un comitato di Torino – avete per esempio le colonne di San Lorenzo che sono state scempiate”.

Condividi questo articolo