"/>
mercoledì 23 agosto 2017 15:50:02
omnimilano

MONZA, SAPPE: “TROVATA DROGA IN CELLA, URGENTI PROVVEDIMENTI PER CARCERI”

12 agosto 2016 Cronaca

“Fruttuosa perquisizione in carcere, ieri, a Monza. Gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno esaminato e perquisito ogni anfratto della Casa circondariale di via San Quirico. I poliziotti penitenziari del carcere di Ivrea hanno condotto una perquisizione interna finalizzata a prevenire l’eventuale possesso di oggetti non consentiti in cella. Una volta raggiunta la Sezione dove sono in atto la vigilanza dinamica e il regime penitenziario aperto, cioè con controlli occasionali, in una cella occupata da due ristretti (uno italiano, l’altro sudamericano) è stato trovato un congruo quantitativo di sostanza stupefacente, presumibilmente cocaina, occultato sotto il letto. Entrambi i reclusi sono stati spostati nella Sezione Isolamento del carcere brianzolo. Ancora una volta si deve ringraziare l’operato della Polizia Penitenziaria che con grande professionalità ha ritrovato lo stupefacente”. E’ quanto riferisce in una nota Nico Tozzi, vice segretario regionale del Sappe della Lombardia. “Il rinvenimento di droga in una cella del carcere di Monza, nella sezione a vigilanza dinamica – aggiunge il segretario generale del Sappe Donato Capece – conferma che tenere i detenuti a non far nulla, anche nei momenti previsti di socialità, può essere grave e pericoloso. Deve fare seriamente riflettere anche sulle pericolose condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari, che ogni giorno di più rischiano la propria vita nelle incendiarie celle delle carceri italiane. Le carceri sono più sicure assumendo gli Agenti di Polizia Penitenziaria che mancano, finanziando gli interventi per far funzionare i sistemi antiscavalcamento, potenziando i livelli di sicurezza delle carceri, espellendo i detenuti stranieri. Altro che la vigilanza dinamica, che vorrebbe meno ore i detenuti in cella senza però fare alcunchè. Al superamento del concetto dello spazio di perimetrazione della cella e alla maggiore apertura per i detenuti deve associarsi la necessità che questi svolgano attività lavorativa e che il personale di Polizia Penitenziaria sia esentato da responsabilità derivanti da un servizio svolto in modo dinamico, che vuol dire porre in capo a un solo poliziotto quello che oggi fanno quattro o più agenti, a tutto discapito della sicurezza. Le idee e i progetti dell’Amministrazione Penitenziaria, in questa direzione, si confermano ogni giorno di più fallimentari e sbagliati così come ribadiamo che per il Sappe è fondamentale espellere i detenuti stranieri facendo scontare loro la pena in carceri dei Paesi di origine”. Capece ricorda infine come “le carceri sono più sicure assumendo gli Agenti di Polizia Penitenziaria che mancano e finanziando gli interventi necessari. Perché è vero che le carceri scoppiano, ma scoppiano per gli Agenti di Polizia Penitenziaria, sempre più al centro di violenze assurde e ingiustificate. Alla teoria di chi parla di carceri conoscendoli poco, ossia dalla parte della Polizia Penitenziaria, vogliamo rispondere con la concretezza dei fatti. Che parte da un dato incontrovertibile: la Polizia Penitenziaria continua a ‘tenere botta’, nonostante le quotidiane aggressioni. I problemi del carcere sono reali, come reale è il dato che gli eventi critici nei penitenziari sono in aumento da quando vi sono vigilanza dinamica e regime aperto per i detenuti. La stessa in atto nella Sezione di Monza dove è stata la droga in cella. Eppure, nonostante la Polizia Penitenziaria sia carente di 8mila Agenti in organico la Legge di stabilità ha bocciato un emendamento che avrebbe permesso l’assunzione di almeno 800 nuovi agenti, a partire dall’assunzione degli idonei non vincitori dei precedenti concorsi, già pronti a frequentare i corsi di formazione. Per frenare la spirale di tensione e violenza che ogni giorno coinvolge, loro malgrado, appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria nelle carceri della Lombardia e del resto del Paese, per adulti e minori, servono dunque provvedimenti concreti ed urgenti da parte dell’Amministrazione Penitenziaria”.

Condividi questo articolo