"/>
sabato 21 luglio 2018 11:40:06
omnimilano

Moda, dal 20 febbraio settimana donna: mostra su Made in Italy e 64 sfilate

Milano Moda Donna fall/winter 2018/19 in programma in città dal 20 al 26 febbraio prevede 64 sfilate (tre doppie), 92 presentazioni, tre presentazioni su appuntamento e 18 eventi in calendario, per un totale di 156 collezioni. La presentazione questa mattina a Palazzo Marino in un incontro al quale hanno partecipato tra gli altri il presidente della Camera della moda Carlo Capasa e l’assessore comunale alle attività produttive, Cristina Tajani.  Un’edizione “ricca di novità, con Moncler che quest’anno aprirà ufficialmente la settimana della moda, Tommy Hilfiger che ha scelto il capoluogo lombardo come quarta tappa del suo #TOMMYNOW, e che per la prima volta vede in calendario Erika Cavallini, Francesca Liberatore e Christian Pellizzari. Questi ultimi due sfileranno grazie al supporto della Camera Nazionale della Moda Italiana, come anche Angel Chen, Brognano, Lucio Vanotti, Ricostru e Ujoh. In questa stagione, inoltre, torna in calendario Emilio Pucci. Fa il suo ingresso in calendario anche Tiziano Guardini, vincitore del premio “Franca Sozzani GCC Award for Best Emerging Designer” al Green Carpet Fashion Awards Italia, 2017 che presenterà in statica la sua collezione nello Spazio Cavallerizze grazie al supporto di CNMI”.
La Camera Nazionale della Moda Italiana, per i sessant’anni dalla fondazione, celebra l’importanza e il valore della moda italiana con la mostra “Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001”, a cura di Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi. Una mostra promossa e prodotta in collaborazione con Comune di Milano e Palazzo Reale, con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e ICE Agenzia. L’inaugurazione il 21 febbraio aprirà la settimana della moda di Milano. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 6 maggio 2018 e l’intero ricavato della vendita dei biglietti sarà devoluto a CNMI Fashion Trust. “Italiana” è stata realizzata con il main partner Yoox-Net-A-Porter e con la collaborazione di Pomellato e dei manichini di La Rosa. Grazie al protocollo d’intesa tra il Comune di Milano e CNMI, la Sala Cariatidi di Palazzo Reale sarà ancora una volta una delle location protagoniste di Milano Moda Donna insieme al Padiglione Visconti in Via Tortona 58 e allo Spazio Cavallerizze, parte integrante del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. Lo Spazio Cavallerizze, nuovo Fashion Hub di Milano Moda Donna, riunirà inoltre in unico spazio: vip lounge, sala stampa e il Fashion Hub Market. Il progetto CNMI a sostegno dei giovani talenti, che quest’anno giunge alla sesta edizione, presenterà 14 designer e ospiterà un cocktail celebrativo, venerdì 23 febbraio. Rinnovata anche quest’anno la collaborazione con Ordre, piattaforma b2b online per l’industria del ready to wear ed alto pret a porter. I designer del Fashion Hub Market faranno parte della piattaforma online per un’intera stagione e uno o due designer selezionati da Ordre e CNMI avranno l’occasione di rimanere nello showroom virtuale per un anno intero. La Fashion Week milanese potrà essere seguita live sul website milanomodadonna.it con streaming delle sfilate, video e fotogallery delle collezioni, attraverso l’App di CNMI e sui profili social Instagram (@cameramoda), Facebook, Twitter con aggiornamenti in tempo reale sugli eventi. Video delle sfilate e contenuti speciali saranno trasmessi anche sul maxischermo in Via Croce Rossa.

“Sessantaquattro sfilate, con 3 doppie sfilate, 92 presentazioni e 18 eventi in calendario, per un totale di 156 collezioni. Sono numeri davvero importanti, anche se quest’anno si comincerà un giorno prima con l’evento a sorpresa di Moncler, martedì”, ha detto Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, ringraziando “il Comune di Milano, ma anche il Governo, in particolare il Mise e l’Ice, che hanno capito l’importanza della moda, ad oggi la seconda industria del Paese”. I dati sul fatturato del settore, che dà lavoro a 570mila persone, confermano infatti un trend in crescita, con un fatturato di quasi 65 miliardi e un export da 50 miliardi secondo il preconsultivo del 2017.

 

Condividi questo articolo