"/>
martedì 27 giugno 2017 05:24:00
omnimilano

MILANO PRODUTTIVA, LA CAMERA DI COMMERCIO PREMIA IMPRESE E LAVORATORI

28 maggio 2017 Economia, Imprese

Arte, stile di vita, cibo e moda, cresce l’attrattività milanese nel mondo. Secondo i dati della Camera di commercio, nel 2016, aumenta del +8% il valore dei prodotti del Living Made in Milan nel mondo, pari a 9 miliardi tra food, fashion, design, culture. Tra i Paesi dove Milano ha più appeal nell’ultimo anno: Giappone per il food (+388%), Hong Kong e USA per il fashion (+15%), Cina e Russia per mobili e design (+50%), USA per la cultura (+30% l’editoria). Milano si conferma capofila in Italia con circa una impresa su dieci tra quelle che nel Paese producono in questi settori. Gli stranieri stanno investendo in questi comparti con 52 filiali di imprese estere in città, che danno lavoro a 15mila addetti. Attrattività anche nel turismo, con alberghi più pieni a Milano (+10% nei primi quattro mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016). È l’attrattività al centro del Premio “Piazza Mercanti” della Camera di commercio di Milano, giunto alla quindicesima edizione, l’”Ambrogino delle imprese” consegnato oggi alla Scala nella tradizionale cerimonia dell’evento ‘Milano produttiva’. Cinque gli imprenditori dell’area milanese premiati questa mattina al Teatro alla Scala da Carlo Sangalli, ospite di questa edizione lo chef Davide Oldani: Vega SpA, Mare Srl impresa sociale, Moneyfarm, Thursday Pizza di Castrucci Alessandro, Laura Strambi di Laura Strambi Ferrini e c. sas.
“La crescita di Milano, con la sua nuova capacità attrattiva, rafforza la fiducia nel futuro anche del nostro Paese– ha dichiarato Carlo Sangalli, presidente della Camera di commercio di Milano –. Il Premio Milano Produttiva è il grazie della nostra città – attraverso la Camera di commercio – agli imprenditori e ai loro collaboratori che hanno contribuito a raggiungere questo importante risultato. Lo scorso anno l’economia milanese è cresciuta dell’1,1 per cento, ben oltre lo 0,9 italiano, con un aumento di 5.514 imprese, segno della vitalità di un territorio sul quale stanno puntando sempre di più gli investitori stranieri”.
Davide Oldani, chef e imprenditore, ha dichiarato “Mi fa piacere essere quest’anno testimonial dell’eccellenza imprenditoriale tipica di Milano e dell’Italia. La nostra cucina è conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Passione e determinazione, disponibilità a viaggiare e confrontarsi con nuove culture sono nella mia esperienza alla base del successo. Bisogna puntare sui giovani e sulla qualità di prodotti e servizi per essere sempre più strumento di visibilità internazionale e promozione per il nostro Paese”.
Premiati anche circa 400 imprenditori e lavoratori per la fedeltà al lavoro: 10.448 anni di lavoro tra lavoratori e imprese, 6.371 anni di lavoro dipendente e 4.077 anni di vita d’impresa. 118 imprese per la correttezza commerciale e l’impegno imprenditoriale e 255 lavoratori, distintisi per la diligenza e l’attaccamento al lavoro ricevono quest’anno il Premio Milano Produttiva della Camera di commercio di Milano, giunto alla sua 28ª edizione. Requisiti richiesti: almeno 15 anni di attività ininterrotta per le imprese, 20 anni di servizio continuativo nella stessa azienda per i lavoratori, 15 anni per i dirigenti. Diciassette i dipendenti tra quelli premiati che hanno oltre 30 anni di anzianità di servizio nella stessa impresa, di cui 2 con oltre 40 anni di anzianità.
Premiati anche 7 imprenditori per i migliori video d’impresa. Il premio YouImpresa è alla ottava edizione.
Nel 2017 il tessuto economico milanese, ricorda l’ente camerale, conta su 296 mila imprese attive, quasi 2 milioni di addetti, oltre 400 miliardi di fatturato sono le cifre dell’economia milanese, secondo i dati della Camera di commercio. +8% per i prodotti del Living Made in Milan nel mondo, che valgono 9 miliardi tra food (1,6 miliardi), fashion (6,2 miliardi), design (1,2 miliardi), culture (331 milioni). Circa una impresa su dieci tra quelle che in Italia producono in questi settori è a Milano, 17mila e il 12% degli addetti, 172mila nel 2016. Pesano le imprese straniere che investono in questi settori in città, 52 imprese con 15mila addetti.

Condividi questo articolo