"/>
sabato 21 ottobre 2017 08:35:42
omnimilano

Migranti, Sala boccia ‘gemellaggio’ con città Libia: “Disponibili a dare una mano, ma trovare formule giuste”

14 luglio 2017 Politica

“Ho chiamato Decaro ma abbiamo parlato velocemente. Siamo disponibili a dare una mano se c’è qualcosa che ha senso, però è un tema tutto da approfondire. Ho fatto solo una rapidissima telefonata con Decaro che ci sta lavorando su”. Così il sindaco Giuseppe Sala risponde a chi gli chiede, a margine di un incontro organizzato dalla Cgil, dell’ipotesi di un gemellaggio di Milano con una città libica di cui si ipotizzava oggi su alcuni organi di stampa. Per Sala si tratterebbe “di trovare qualche formula per tenerci legati a questo mondo che è importante per noi, però bisogna trovare delle formule vere, il gemellaggio in sé non serve a nulla, quindi bisogna pensarci”. A proporre ‘gemellaggi’ era stato ieri il presidente di Anci, Antonio Decaro, durante il vertice a Tripoli con tredici sindaci libici, provenienti dalle regioni più colpite dalle attività migratorie illegali. Una missione condotta dal ministro dell’Interno italiano Marco Minniti per definire i progetti di intervento dell’Italia. “Da sindaci ci proponiamo di sostenere le municipalità libiche alle prese con la gestione dell’emergenza del traffico di esseri umani e in un contesto generale di non facile transizione verso un sistema democratico – ha annunciato Decaro -. Crediamo che un gemellaggio tra città italiane e libiche che sviluppi la sua azione nell’ambito delle misure relative al fenomeno migratorio ma anche nel processo più ampio di ‘institutional builiding’ della Libia possa servire allo scopo”.

Condividi questo articolo