"/>
domenica 20 agosto 2017 00:33:47
omnimilano

MIGRANTI, COMITATO ‘ZONA8SOLIDALE’ PREPARA FESTA BENVENUTO DAVANTI A MONTELLO

28 ottobre 2016 Politica

Una festa per accogliere i migranti che dal primo novembre abiteranno alla Caserma Montello. A organizzarla è il comitato Zona8solidale, costituitosi proprio allo scopo di ribadire l'apertura del quartiere e la disponibilità ad accogliere i migranti. La festa inizierà alle 10,30 davanti alla caserma di via Caracciolo e sarà caratterizzata da musica dal vivo, cibo di ogni parte del mondo messo a disposizione dagli abitanti del quartiere e animazione per i bambini. Una giornata all'insegna dell'allegria e un impegno che però – assicurano i promotori – non si fermerà qui:”non deve essere solo una giornata, ma siamo pronti a organizzare iniziative per essere presenti per tutto l'anno che i migranti saranno qui”, spiega Roberto Giudici, membro del comitato che ha aperto un dialogo con le istituzioni per garantire l'esistenza di alcune condizioni minime: l'accoglienza dignitosa e umana degli ospiti della Montello, la trasparenza riguardo a quanto succede al suo interno e la disponibilità a creare un ponte tra i migranti e i cittadini del quartiere. È proprio per questo che, durante la giornata di martedì, una delegazione chiederà di essere ricevuta all'interno della struttura per rendersi conto di quello che succede e per proporre una serie di attività sportive e culturali con l'obiettivo di creare integrazione. Molte sono le associazioni e le forze politiche che hanno aderito. Tra queste, l'anpi che probabilmente sarà rappresentata dal suo presidente cittadino Roberto Cenati, la Fiom, Emergency zona 8, Sel, Milano in comune e i Sentinelli. Tutti aperti e determinati a mostrare che chi era in strada ieri a protestare contro l'accoglienza, spesso, “non fa nemmeno parte del quartiere e poco lo conosce”, tanto è vero – spiegano – che “Matteo Salvini ha detto che sarà pericoloso anche andare a prendere la metropolitana, ma non ci risulta che ce ne sia una in piazza Firenze”, dove è situata la Caserma. “La paura – si legge nel volantino che promuove l'iniziativa – si batte innanzitutto con la chiarezza e la sicurezza di ognuno di noi si costruisce superando le reciproche diffidenze e garantendo i diritti di ciascuno”.

Condividi questo articolo