"/>
domenica 19 novembre 2017 05:57:43
omnimilano

Migranti, a Milano “nuovi modelli” accoglienza
In due centri 74 ospiti fra donne e bambini

3 agosto 2016 Cronaca, Politica

Donne, madri sole con bambini e minori non accompagnati che hanno affrontato il viaggio attraverso il canale di Sicilia e sono arrivati a Milano in treno o in pullman. Registrati all’hub in via Sammartini, hanno trovato accoglienza e assistenza dedicata, con interventi sanitari e di tipo psicologico, presso le due nuove strutture aperte dal Comune in collaborazione con Albero della Vita e Progetto Arca: in via Carcano, un vecchio studentato inutilizzato da tempo, e in via Zendrini, il primo centro Sprar per minori richiedenti asilo di Milano. Le due strutture sono state visitate questo pomeriggio dall’assessore alle Politiche sociali del Comune, Piefrancesco Majorino. Al momento, secondo i dati forniti dall’amministrazione, sono 74 le persone complessivamente ospitate: 25 donne e 23 bambini in via Carcano, 26 tra ragazzine e ragazzini in via Zendrini. Sono parte dei tremila migranti accolti a Milano. Le esperienze di Carcano e Zendrini partite tre settimane fa sono “il nuovo modello di accoglienza che a Milano si affianca ai centri più grandi, che tuttora ospitano centinaia tra richiedenti asilo e migranti appena arrivati, luoghi più piccoli dove poter intervenire su situazioni di particolare fragilità”, per il Comune. “In via Carcano e via Zendrini – spiega Majorino – ci occupiamo di persone vulnerabili che hanno bisogno non solo di accoglienza, ma di interventi specifici di tipo sanitario e psicologico e che richiedono dunque operatori ulteriormente preparati ad entrare in relazione con loro. È un esempio di accoglienza diffusa che abbiamo avviato perché ci siamo trovati di fronte a un fenomeno migratorio cambiato rispetto al passato. Crediamo che questo sia un modello da sviluppare affiancando alle grandi strutture, dove in due anni e mezzo sono transitate 97mila persone, luoghi come questi dove poter seguire e aiutare più da vicino i soggetti più fragili. Nella nostra struttura di via Zendrini, ad esempio, abbiamo aperto il primo centro Sprar per minori a Milano. Un servizio presente in Sicilia ma mai qui”.

Condividi questo articolo