"/>
giovedì 24 agosto 2017 01:11:16
omnimilano

METALMECCANICI, LANDINI: NON RIUSCITI A DIVIDERCI, RIAPRIRE TRATTATIVA

20 aprile 2016 Politica

“Nella aziende metalmeccaniche di Milano e provincia lo sciopero per il contratto proclamato da Fim, Fiom, Uilm è riuscito davvero. Le percentuali di astensione dal lavoro sono alte, in alcuni casi con punte che sfiorano (o raggiungono) il “fuori tutti”. E’ andata così alla Kone Industrial di Pero dove ha scioperato complessivamente il 70% dei lavoratori e il 100% degli operai; 100% anche alla Lobo di Cornaredo; 100% operaio alla Cifa di Senago; 90% alla Asco Numatics di Cernusco, 80% alla Bcs Divisione Mosa di Cusago”. E' quanto si legge nella nota diffusa dalla Fiom. I metalmeccanici hanno percorso in corteo le vie del centro, da Piazza San Babila a via Pantano, sede di Assolombarda.
E’ stato Maurizio Landini a concludere gli interventi dal “camion-palco” davanti alla sede di Assolombarda. “Siamo in questa piazza unitariamente – ha esordito il segretario generale della Fiom – per cambiare le politiche sbagliate di Federmeccanica e del Governo. Federmeccanica ci ha spiegato di aver commissionato un sondaggio da cui risultava che i metalmeccanici sono d’accordo con il suo contratto. Noi non abbiamo bisogno di pagare qualcuno per sapere cosa pensano i lavoratori, noi li ascoltiamo, facciamo le assemblee. Federmeccanica – ha proseguito Landini – deve mettersi in testa che deve riaprire la trattativa perché noi il contratto sulla base delle sue proposte non lo firmeremo mai e il Governo deve smettere di dare soldi alle imprese, le risorse vanno date al lavoro, non a chi porta i soldi nei paradisi fiscali. Pensavano di dividerci e non ci sono riusciti – ha concluso il segretario della Fiom – oggi le fabbriche si sono fermate e le piazze si sono riempite. Non ci fermeranno”.

Condividi questo articolo