"/>
domenica 22 ottobre 2017 10:20:23
omnimilano

Maroni: “Autonomia è la strada per una nuova fase: il ‘neo- regionalismo’

13 ottobre 2017 Autonomia, Politica

“Noi vogliamo che la Lombardia sia riconosciuta come Regione ‘speciale’, non a ‘Statuto speciale’. Questa seconda ipotesi, obbligherebbe a una modifica della Costituzione, con tempi lunghi. La ‘specialità’, invece, è un riconoscimento di natura politica, al quale segue un riconoscimento nella prossima legge di Bilancio che vuol dire più risorse”. Lo ha specificato il Presidente della Regione, Roberto Maroni, nel corso del suo intervento al convegno ‘Italia, direzione Nord’. Il governatore, è tornato quindi ad auspicare anche “una fase nuova, di ‘neo-regionalismo’, dove – ha detto -le Regioni possano acquisire un ruolo importante, assumendosi la responsabilita’ di guidare il processo di crescita con un rapporto diretto fra di loro. Lo schema “e’ quello dei fondi europei: ti do le risorse, controllo come le spendi e sei obbligato a fare investimenti”. “Io – ha assicurato – sono disponibile a lavorare in questa direzione insieme ai miei colleghi governatori del Mezzogiorno, penso possa essere davvero una novita’ importante”. Anticipando infine quanto dirà questa sera a Trento, dove è atteso per un incontro pubblico, Maroni ha anche dichiarato che a suo modo di vedere “le Regioni a Statuto speciale vanno mantenute. Da lombardo, piuttosto, voglio che siano un benchmark. La Lombardia viaconfina con alcune di queste realtà, è quindi giusto possa godere degli stessi vantaggi”.

Condividi questo articolo