"/>
domenica 23 luglio 2017 06:57:24
omnimilano

Mafia, Sala: “Non se ne è mai andata da Milano, momento chiamata alle armi città metropolitana”

20 marzo 2017 Politica

“La criminalita’ non se ne mai andata del tutto” da Milano e quanto accaduto ai funerali di Mimmo Pompeo “e’ chiaro che non e’ un bel segnale e per noi e’ assolutamente un segno di attenzione. E’ qualcosa di riprovevole che ci deve tenere svegli e farci capire che non bisogna mai mollare”. Lo ha detto il sindaco Giuseppe Sala, a margine della presentazione delle iniziative per la 22esima giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, interpellato riguardo a un “ritorno” della criminalita’ organizzata a Milano in riferimento a quanto riportato dalla stampa in questi giorni. “Non mi illudo che la criminalita’ organizzata se ne sia andata da Milano. So che e’ stata colpita duramente in questi anni, spero che questo sia un po’ un colpo di coda, ma bisogna essere molto molto attenti”, ha detto Sala che ha anche sottolineato come nel contrasto alle mafie “e’ il momento di una grande chiamata alle armi a livello di citta’ metropolitana”. “Personalmente – ha detto Sala – mi impegno ad attivare una discussione e a chiedere ai sindaci dei comuni e alla societa’ civile della citta’ metropolitana di aprire questo lavoro”, di contrasto alla criminalita’ organizzata. “La Citta’ metropolitana di Milano e’ piu’ ricca di altri territori, piu’ appetibile, e’ una realta’ che puo’ essere di maggior interesse per le varie mafie. Bisogna prendere una posizione forte”.

CONTRO LA MAFIA DOMANI A QUARTO OGGIARO  – Sara’ domani in piazzetta Capuana la celebrazione centrale a Milano per la 22esima giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. L’iniziativa e’ stata presentata stamani a palazzo Marino dal sindaco Giuseppe Sala, dalla referente milanese di Libera, Lucilla Andreucci, e dal presidente del consiglio comunale Lamberto Bertole’. Per domani sul tema “Luoghi di speranza, testimoni di bellezza”, l’appuntamento e’ nella piazzetta di Quarto Oggiaro, dove si raccoglieranno con i familiari delle vittime anche mille studenti. Il ritrovo e’ alle 10.15, alle 10.45 i saluti istituzionali, a partire da quello del sindaco, poi le testimonianze e la lettura dei 943 nomi delle vittime innocenti delle mafie. Quella di piazzetta Capuana “e’ una scelta che condivido molto. Quarto Oggiaro – ha detto Sala – e’ una realta’ su cui abbiamo lavorato tanto. Mi piace pensare che buona parte sia stata recuperata, ma essere li’ vuol dire che siamo molto attenti”. Alle 15 Libera ha organizzato anche un momento di ricordo al carcere di Opera, e alle 18 i nomi delle 943 vittime saranno letti anche in consiglio comunale alla presenza di Lorenzo Sanua, figlio di Pietro Sanua, ucciso a Corsico nel 1995.

Condividi questo articolo