"/>
sabato 27 maggio 2017 10:13:07
omnimilano

Madonnina imbavagliata e scritta oscena su stabile occupato. Diocesi insorge: “Far cessare oscenità, offesi tutti i milanesi”

14 maggio 2017 Cronaca, Politica

Nei confronti dell’ “oltraggio” alla figura della Madonna da parte degli anarchici che hanno occupato un edificio in via Gadames, in zona Certosa, la Diocesi chiede un intervento “già tardivo, di chi ha il potere di fare cessare una simile oscenità” rispetto a “un gesto sacrilego ai confini del reato” e di “una stupidità vuota che offende”. Arriva dopo la denuncia di ieri di Famiglia Cristiana, nel giorno delle celebrazioni per il centenario della prima apparizione di Fatima e la canonizzazione dei pastorelli. Giornata in cui “fa particolarmente male apprendere dell’oltraggio che da settimane si sta consumando in città in via Gadames. Non si comprende quale e quanta intelligenza ci sia in questo gesto sacrilego ai confini del reato: ad offendere è la stupidità vuota di questa azione”, si legge in una nota dell’Ufficio per le comunicazioni sociali della Diocesi ambrosiana. La richiesta è quindi di un intervento “già tardivo, di chi ha il potere di fare cessare una simile oscenità” perché “ad essere feriti, insieme ai cattolici di questa città, sono tutti i milanesi che guardando alla Madonnina si sentono protetti e trovano in questa presenza ragione di speranza. Libertà religiosa è anche poter essere tutelati nel rispetto dei segni della propria fede”.  A sollevare il caso Famiglia Cristiana: “Hanno occupato abusivamente un palazzo dei Padri Passionisti e offendono la Madonna con una scritta così blasfema da doverla oscurare”, si spiega nell’articolo pubblicato anche sul sito della testata: “Un atto sacrilego e assurdo. Ma perché quattro imbecilli devono calpestare i sentimenti religiosi di un intero quartiere di Milano? Famiglia Cristiana fa un appello al Comune perché non sia indifferente e intervenga: si configura pubblicamente il reato di vilipendio alla religione. Un oltraggio che lascia sgomenti. La foto che pubblichiamo è stata scattata a Milano, al civico 9 di via Gadames, zona viale Certosa. Nell’immagine si vede chiaramente sul balcone una statua della Madonnina bendata e oltraggiata. Accanto, c’è uno striscione con il simbolo degli anarchici e una scritta ingiuriosa a sfondo sessuale che abbiamo dovuto oscurare. A segnalarcelo sono stati alcuni parrocchiani di Santa Maria Assunta della Certosa di Garegnano, una delle chiese più belle della città, periferia nord-ovest di Milano. Lo stabile è di proprietà dei Padri Passionisti ed è disabitato da sette anni. È composto da tre piani di circa 120 metri quadrati l’uno. Dal settembre scorso, un gruppo di anarchici lo ha occupato abusivamente. I proprietari hanno denunciato alle forze dell’ordine ma gli occupanti non sono stati ancora sgomberati”.

Condividi questo articolo