"/>
domenica 22 ottobre 2017 12:16:13
omnimilano

LO SPEDIZIONIERE 2.0

5 dicembre 2015 start-up

E’ economico e dà la possibilità di seguire la propria merce in tempo reale, sia da desktop che da mobile: nato a ottobre 2014, dopo la lettura di un’articolo sulla sharing economy, PonyU è un servizio di logistica per la gestione delle spedizioni urbane, che offre sempre una consegna in massimo un’ora. Questa start up ha un team per lo più giovane e campano, ma esordirà a fine settembre a Milano, eletta città pilota, “perché è la più sensibile a queste particolari innovazioni, ha una pianta cittadina circolare che facilità i processi logistici urbani e ha una folta popolazione di studenti” potenziali scattanti pony.

“Diamo a tutti l’opportunità di accreditarsi e diventarlo, guadagnando nel tempo libero – spiega Luigi Strino, il founder, napoletano, 31enne – inizialmente vogliamo concentrarci sul servizio logistico a servizi di consegna a domicilio di cibo per poi offrire i vantaggi di una consegna immediata per i più disparati servizi”.
PonyU arriva a Milano, poi si espanderà, e si rivolge soprattutto alle aziende, offrendo una consegna immediata della merce, e “a chi già utilizza servizi di spedizione ma vuole risparmiare, velocizzare i tempi e offrire nuovi servizi esclusivi, come real time tracking”.
Questo autunno per PonyU c’è da correre su molti fronti: “stiamo trattando con diverse realtà interessate al nostro servizio, stiamo popolando la nostra community di pony formandola e testando con loro le funzionalità della nostra app a loro dedicata. Stiamo partendo con una campagna marketing ed apriremo le applications per candidarsi a diventare un pony”. Sì, PonyU insiste molto nell’offrire ai milanesi, nativi o d’adozione, nuove opportunità di lavoro, o, per lo meno, di arrotondare. L’idea iniziale è stata proprio quella: la start up di Strino è nata leggendo un articolo sulla sharing economy e collegandolo “all’enormità della merce che si sposta in città ogni giorno, proprio da sfruttare con le potenzialità del crowdsourcing”.

Condividi questo articolo