"/>
sabato 29 luglio 2017 13:40:51
omnimilano

L’export dei distretti lombardi torna a crescere, +7,4% nel primo trimestre del 2017

13 luglio 2017 Economia
“L’anno 2017 si è aperto con una ripresa delle esportazioni dei distretti tradizionali della Lombardia, dopo un 2016 di calo complessivo delle vendite: +7,4% nel primo trimestre, a valori correnti, un punto al di sopra della performance media nazionale (+6,4%)”. Sono i dati che emergono dall’aggiornamento trimestrale del Monitor dei Distretti della Lombardia a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. “La crescita – si legge nel rapporto – è stata del 5,8% nei mercati maturi, con il mercato tedesco che ha agito da traino (+11,1%), insieme a Francia (+3%), Stati Uniti (+4,2%), Spagna (+5,1%) e Regno Unito (+5,6%). Nei nuovi mercati, le vendite sono cresciute del 10,6%. Emerge una dinamica sostenuta delle esportazioni dirette nella Federazione russa (+42,5%), che tuttavia è da inquadrarsi come una parziale ripresa dai livelli di minimo raggiunti nel biennio precedente, durante la fase recessiva che ha interessato il paese. In crescita anche le vendite in Cina (+19,9%), Polonia (+9,2%), Repubblica Ceca (+10,3%), Turchia (+3,8%), Emirati Arabi Uniti (+9,2%).
I buoni risultati del primo trimestre si presentano diffusi a livello territoriale, andando a toccare ben 20 distretti fra i 23 di matrice tradizionale qui analizzati. Fra i distretti più dinamici (prime dieci posizioni della classifica) si annoverano due distretti alimentari, nello specifico Carni e salumi di Cremona e Mantova (+33,8%) e Vini del Bresciano (+13,7%), quattro distretti della metalmeccanica, nell’ordine Metalmeccanica di Lecco (+15,3%), Metalli di Brescia (+14,8%), Meccanica strumentale di Varese (+13,5%), Macchine per la concia della pelle di Vigevano (+7,3%), i due distretti del legno, rispettivamente Legno di Casalasco-Viadanese (+15,1%) e Legno e arredamento della Brianza (+9%), il distretto della Gomma del Sebino Bergamasco (+11,8%) e il Tessile e abbigliamento della Val Seriana (+7,8%).
Il primo trimestre 2017 è stato positivo anche per le esportazioni dei poli tecnologici lombardi, sempre misurate a valori correnti. L’incremento è stato del 17,9%, superiore al dato medio del resto dell’aggregato dei poli tecnologici nazionali (+3,7%). L’evoluzione positiva delle vendite estere ha riguardato tre poli sui quattro monitorati: il Polo farmaceutico lombardo (+35,8%) e il Biomedicale di Milano (+26,8%) hanno confermato il trend di crescita del 2016. Le esportazioni del Polo Ict di Milano (+10,6%) si sono invece mostrate in ripresa, dopo un 2016 di lieve calo”.
“La crescita complessiva dei distretti lombardi nel primo trimestre del 2017, dopo un 2016 con qualche chiaroscuro – ha dichiarato Paolo Graziano, direttore regionale Lombardia di Intesa Sanpaolo – è un segnale positivo e incoraggiante. La Lombardia è una regione chiave per l’economia del nostro Paese e la ripresa delle esportazioni del 7,4%, un punto sopra la media nazionale, è coerente con il trend positivo registrato nei singoli territori: nei soli primi tre mesi di quest’anno la Direzione Regionale Lombardia del Gruppo ha erogato a imprese e privati lombardi oltre 1 miliardo di euro, con una crescita di oltre il 25% sullo stesso periodo del 2016”.

Condividi questo articolo