"/>
giovedì 17 agosto 2017 09:59:49
omnimilano

Lettere minatorie a vip imbrattate di feci, ex vigile ne ha spedite 10mila in due anni

26 gennaio 2017 Cronaca

È un ex agente della Polizia Locale di Milano, il milanese di 71 anni che dal 2014 inviava buste con feci proprie o del proprio cane avvolte in carta igienica a personaggi politici e del mondo dello sport o dello spettacolo. In totale ha inviato oltre 10.000 lettere, anche più volte alle stesse persone. Indagato a piede libero assieme alla sua compagna 53enne italiana, per minacce, diffamazione e detenzione abusiva di munizioni – 50 più del concesso – il pensionato inviava in media 10 lettere anonime con destinatari che riteneva colpevoli. Ogni busta conteneva solo feci e carta igienica, aveva l’indirizzo scritto a mano, spesso trovato su Google, un francobollo straniero, comprato ai mercatini, e in alto a sinistra il “capo d’accusa” scritto a penna. L’uomo infatti individuava i destinatari ascoltando fatti di cronaca sia locale, sia nazionale e internazionale, dividendoli poi in corrotti, ladri, assassini, “accozzaglia” e altre categorie. Tra le persone che hanno ricevuto le sue missive negli anni ci sono molti politici ma anche il direttore dello zoo di Copenaghen, per il caso dell’uccisione della giraffa, e numerosi personaggi sportivi. Amante del calcio e attivo scommettitore, l’ex agente era convinto che molte partite fossero truccate e che gli allenatori non facessero il proprio dovere. Agli agenti della Digos ha raccontato che l’idea delle lettere è inizialmente venuta per il turbamento legato a suoi problemi economici, poi è diventata una ossessione tanto che li ha quasi ringraziati per aver messo fine a questo inviare lettere ormai compulsivo.d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);

Condividi questo articolo