"/>
lunedì 20 agosto 2018 15:04:56
omnimilano

La campagna elettorale chiude sotto la neve: sfida tra sette candidati per la Regione

3 marzo 2018 Politica, Regionali

Ultimi appelli al voto per la campagna elettorale per regionali ed elezioni politiche chiusa sotto la neve. I candidati governatori della Lombardia hanno concluso la propria campagna elettorale. Per Dario Violi, candidato governatore M5S, un appello al voto via Facebook: “Il 4 marzo abbiamo un’occasione importante: l’occasione di cambiare questa Regione e di renderla una regione più moderna, più europea, dove il lavoro, la qualità dell’ambiente e la qualità della vita possono correre di pari passo come nelle migliori regioni europee”, ha detto in un video sui social. “E’ evidente che gli altri non sono credibili. Se anche tu credi in un cambiamento vero nel futuro di Regione Lombardia, sostienici e cambiamo insieme questa Regione”, conclude il candidato pentastellato. Attilio Fontana ha chiuso invece la sua campagna elettorale presso l’auditorium del centro Bonola insieme al segretario della Lega e candidato premier Matteo Salvini: “Abbiamo bisogno di un’abbinata: vincere in Lombardia e vincere a Roma, vogliamo che Salvini diventi premier perché con Salvini presidente del Consiglio non ci saranno problemi. E vi assicuro che io con Salvini premier verrò ricordato come miglior presidente della Regione”, ha detto tra l’altro il candidato leghista. Per il candidato del centrosinistra Giorgio Gori chiusura al teatro Parenti con, tra gli altri, il sindaco Giuseppe Sala e l’ex primo cittadino Giuliano Pisapia. “Attilio Fontana è stato buttato in mezzo a questa cosa e ha cominiciato a parlare come i consiglieri di Salvini: è dimostrazione di una fase politica che è finita – ha detto Gori -. Non hanno più niente da dire alla Lombardia”. Parlando in particolare della Lega, Gori ha aggiunto: “non è quella di prima, sono almeno tre partiti, il Grande Nord, quello di Maroni e quello di Salvini”. “Questo è diventato un partito di destra becero che non ha nemmeno l’ombra di qualcosa di istituzionale”. Dal palco del Teatro Parenti Sala ha parlato anche del “valore della sinistra”. “Non è il momento di recriminare sulle divisioni”, ha detto, ma “la sinistra che sta insieme e valorizza le differenze ha la capacità di trarre il meglio da tutti”. Alla fine del suo intervento, lasciando il palco a Giuliano Pisapia, Sala ha affermato: “lascio la parola a chi mi ha preceduto e ha costruito il grosso della sinistra milanese, noi siamo qua da 7 anni e vogliamo stare qui ancora a lungo”.
Liberi e Uguali ha chiuso invece la campagna elettorale all’Arci Corvetto con Laura Boldrini e il candidato governatore Onorio Rosati. “Lasciatemi dire anche che il voto a Liberi e Uguali è un voto doppiamente utile – ha detto Boldrini -: è utile per far entrare in Parlamento le istanze della sinistra e cioè i principi della giustizia sociale, della dignità del lavoro, della parità tra uomini e donne e della salvaguardia dell’ambiente, ma è anche utile per fare da sprone alla costruzione di un nuovo partito della sinistra. Questi sono motivi per cui vale la pena votare Liberi e Uguali”.

I CANDIDATI IN CORSA PER LE REGIONALI – Sono 1556 i candidati alla carica di Consigliere regionale in Lombardia alle elezioni di domenica 4 marzo, in rappresentanza di 19 liste a sostegno di 7 candidati alla presidenza. Sono sette le liste che sostengono Attilio Fontana e Giorgio Gori, mentre gli altri cinque candidati Dario Violi, Onorio Rosati, Angela De Rosa, Giulio Arrighini e Massimo Gatti saranno sostenuti da una sola lista. A disposizione dei candidati alla carica di Consigliere regionale 78 seggi: 2 seggi andranno rispettivamente al Presidente eletto e a quello che prenderà più voti tra i candidati alla presidenza perdenti. Le 19 liste saranno tutte presenti nelle circoscrizioni provinciali di Bergamo, Brescia, Milano, Monza Brianza e Varese; 18 liste sono presenti nella circoscrizione di Como, 17 in quelle di Cremona e Lecco. A Mantova, Pavia e Sondrio gli elettori troveranno sulla scheda 16 liste, mentre a Lodi sono in corsa 15 liste.

Condividi questo articolo