"/>
martedì 23 gennaio 2018 03:25:16
omnimilano

In Lombardia sarà election day il 4 marzo. Alle urne nella stessa data per politiche e regionali

5 gennaio 2018 Politica

Election day in Lombardia il 4 marzo: le regionali si terranno nella medesima data delle votazioni per la Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. Lo ha formalizzato oggi il ministero dell’Interno. Il Viminale ha reso noto che il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il prefetto di Milano Luciana Lamorgese, sentito anche il presidente della Lombardia Roberto Maroni, hanno fissato per domenica 4 marzo 2018 la data di svolgimento delle elezioni regionali nel Lazio e in Lombardia. Gli stessi presidenti hanno chiesto al Viminale di gestire, sulla base di specifici protocolli d’intesa, le rispettive operazioni elettorali.

A due mesi dalle elezioni si registrano intanto cambiamenti di nome e di partiti nell’aula del Pirellone. In Consiglio regionale, a poche settimane dalla fine della legislatura, cinque gruppi intendono cambiare nome e simbolo e due nasceranno nuovi. A quanto si apprende l’Udp del Pirellone ne prenderà atto nella prima riunione in programma, martedì prossimo. Nel centrodestra la Lega Lombarda-Lega Nord-Padania ha chiesto di diventare “Lega-Lega Lombarda-Salvini”; la lista Maroni presidente-Lombardia in testa ha chiesto di diventare “Maroni presidente-Lombardia in testa-Lombardia speciale-Autonomia”; Lombardia Popolare (ex Ncd) ha chiesto di diventare “Noi con l’Italia-Lombardia” mentre nel centrosinistra Insieme per la Lombardia (ex Sel) ha chiesto il cambio in “Lombardia progressista- Sinistra per Gori” e il Patto Civico nato a sostegno della candidatura a governatore di Umberto Ambrosoli alle scorse elezioni ha chiesto la denominazione “Gori presidente”, entrambi quindi con il nome del candidato del centrosinistra alle prossime elezioni, Giorgio Gori. I nuovi gruppi invece saranno “Civica popolare”, con parte degli ex Ncd e “Obiettivo Lombardia per le autonomie con Gori”, con parti del Pd. Si riduce invece ai minimi termini nel centrodestra il gruppo di Energie Per la Lombardia, declinazione locale di Energie Per l’Italia di Stefano Parisi: Daniele Nava, sottosegretario in Regione e coordinatore lombardo lascia il movimento insieme con due dei tre componenti del gruppo consiliare, Mauro Piazza e Sabrina Mosca, per entrare in Forza Italia. Resta solo il capogruppo Alberto Cavalli, che è stato nominato anche coordinatore al posto di Nava.

 

Condividi questo articolo