"/>
sabato 19 agosto 2017 07:36:59
omnimilano

Pride, al corteo anche il sindaco Sala e l’ex primo cittadino Pisapia

25 giugno 2016 Politica

Sui temi dei diritti civili il sindaco Giuseppe Sala garantisce che “continueremo nel solco della giunta precedente. Quello che posso garantire è non solo la mia sensibilità, ma l’interesse, in quanto primo cittadino, ad aiutare una comunità che ormai è larghissima. È stato fatto molto, ho la fortuna di ripartire da una base solida, vedremo cosa fare di più″. Sala ha partecipato al Pride Milano con 200mila persone che hanno sfilato da piazza Duca d’Aosta a porta Venezia. Alla manifestazione, anche l’ex sindaco Giuliano Pisapia:”Sono sicuro che la nuova giunta e il consiglio comunale porteranno avanti il percorso che abbiamo tracciato in questi anni. La ripartenza di Milano sui diritti civili ha avuto un ruolo importante a livello nazionale, adesso l’importante è non fermarsi e andare avanti”. Pisapia e Sala hanno sfilato insieme in testa al corteo. Per Sala anche una piccola contestazione, quando ha preso la parola dal palco, dal collettivo femminista ‘Queer’, una decina di antagonisti vicini alla causa “no Expo” che l’hanno contestato in qualità di ex commissario unico dell’Esposizione universale. I contestatori hanno esposto uno striscione con la scritta “diritti e città non sono merce”. Gli altri manifestanti hanno bloccato subito la protesta gridando “fuori, fuori” e il discorso di Sala è proseguito senza altri intoppi. Il sindaco ha quindi detto che “è un privilegio essere qui” e ha sottolineato la necessita’ di “lottare ogni giorno contro le discriminazioni e lo farò”. La manifestazione si e’ conclusa con il flash mob ‘everybodypride’ organizzato da Angelo Cruciani per tracciare il “nuovo ritratto della società che è fatta da tutti: single, etero, transessuali, omosessuali e persone che si amano”. Dopo un count down di dieci secondi le 200mila persone presenti hanno sollevato dei cartelli con due figure che si tengono per mano.

Condividi questo articolo