"/>
lunedì 21 agosto 2017 14:16:53
omnimilano

Expo, 150 mln di dollari da Ibm
A Milano tecnologia e sanità

31 marzo 2016 Omniparlamento, Politica

L’ex area dell’Expo come punto di riferimento dell’informatica applicata alla sanità. Questo l’obiettivo dell’accordo siglato da Watson Health dell’Ibm col governo italiano, un’intesa da 150 milioni di dollari per il primo centro europeo nell’area dell’esposizione universale milanese destinata al progetto Human Tecnopole.  A siglare l’accordo oggi a Boston è stato lo stesso  presidente del Consiglio Matteo Renzi  nel quartier generale del Watson Health con l’ad di Ibm, Ginni Rometty. “L’accordo da 150 milioni di dollari firmato oggi negli Stati Uniti dal Presidente Renzi con IBM per la partnership strategica dell’azienda nelle iniziative che stiamo proponendo a Milano con il progetto Human Technopole nell’area Expo rappresenta un’occasione straordinaria. Sorgerà così il centro europeo di eccellenza Watson health per lo sviluppo di soluzioni cognitive applicate alla sanità, all’health science e in futuro alla Pa con l’intento di indirizzare le tematiche dell’agenda digitale. Un’occasione unica per creare nuova occupazione qualificata e accompagnare un investimento economico di prim’ordine.
Si tratta di un altro passo concreto generato da Expo per la città e per il paese. Prende sempre più forma così l’investimento strategico che stiamo facendo per fare di Milano la capitale della ricerca italiana nel campo delle scienze e delle tecnologie per la vita. Anche da scelte come queste si capisce, oltre ogni polemica insensata della destra, il valore enorme che ha avuto l’Esposizione universale e la grande eredità che lascia alla città e al Paese”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina sull’accordo con Ibm firmato oggi dal Premier Matteo Renzi.

Condividi questo articolo