"/>
mercoledì 13 dicembre 2017 10:23:03
omnimilano

GRUPPO CAP, PRESENTATO PROGETTO NUOVA SEDE ‘FLUTTUANTE’ VIA RIMINI

5 dicembre 2017 Cronaca

Oltre 11mila metri quadrati di superficie distribuita su sei piani e progettata per dare l’idea di fluttuare sull’acqua. Sarà la nuova sede del gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della città metropolitana di Milano, che sorgerà in via Rimini e il cui progetto è stato presentato oggi in commissione Urbanistica di Palazzo Marino. “Gruppo Cap – ha spiegato il suo presidente Alessandro Russo – oggi ha due sedi: una ad Assago in affitto e una in via Rimini che è di proprietà. Abbiamo pensato di chiudere la sede di Assago per realizzare in via Rimini un’unica sede che possa ospitare tutti i lavoratori. L’operazione porterà quindi dei benefici alla qualità di vita dei nostri lavoratori e per la riqualificazione dell’area, oltre ad avere una valenza di tipo economico perché ci farà risparmiare”. È stata proprio l’acqua a ispirare l’architetto Claudio Lucchin che ha ideato il progetto:”volevamo raccontare il concetto di questa azienda attraverso un’arca”, ha spiegato. Ne è venuto fuori il progetto di un edificio che si sviluppa in orizzontale, in controtendenza con la diffusione dei vertical buildings dello skyline della nuova Milano, ed evitando le grandi vetrate a favore di finestre a nastro a motivo ortogonale distribuite in modo irregolare che richiamano la conformazione delle reti idriche. L’edificio potrà ospitare oltre 400 dipendenti e comprenderà open space, uffici, laboratori, una caffetteria, un auditorium per 200 persone aperto anche ai cittadini, un’esposizione museale e un asilo nido non esclusivamente aziendale. Il luogo vuole essere aperto a tutti, pensato come punto di aggregazione per ospitare eventi e manifestazioni cittadine. Il piano terra sarà quindi a disposizione della città. L’edificio sarà ad alta efficienza energetica con l’acqua di prima falda non potabile usata per il riscaldamento. “Se le cose procederanno così – ha chiarito Russo – è verosimile che alla fine dell’anno concluderemo la fase di progettazione, poi ci sarà la gara ed entro quest’estate l’avvio dei cantieri per arrivare al collaudo nel 2020. Abbiamo tre anni pieni di lavoro davanti a noi”. Per il presidente del municipio 6 Santo Minniti “è un progetto che fa bene al territorio”.

Condividi questo articolo