"/>
sabato 21 ottobre 2017 08:26:36
omnimilano

Giorno ricordo, Sala commemora vittime delle Foibe: “Silenzio colpevole per troppi anni”

10 febbraio 2017 Cronaca, Politica

“Milano è orgogliosa di celebrare insieme a voi il giorno del Ricordo, un momento in cui tutta Italia si ferma per ricordare le stragi e l’esodo di migliaia di cittadini. Per troppi anni su quei crimini c’è stato un silenzio colpevole”. Così il sindaco Giuseppe Sala ha esordito nel suo discorso in Largo Martiri delle Foibe in occasione della giornata del Ricordo. “Pochi giorni fa – ha ricordato il sindaco – abbiamo ricordato le vittime della Shoah e oggi, durante la seduta del consiglio comunale, un momento sarà dedicato alle vittime delle foibe per consolidare una memoria comune. Il 900 ha visto il continente europeo guastato da guerre, stragi e persecuzioni nello scontro tra ideologie totalitarie. La pace in cui oggi viviamo ha le sue radici nel superamento degli orrori del secolo che ci ha preceduto per i quali in molti casi l’Italia è stata vittima e carnefice al tempo stesso. Dobbiamo essere vigili e non illuderci che la pace possa permetterci di dimenticare. Abbiamo il dovere di far si che mai più si ripetano queste stragi perché la vita di un uomo ha un valore che non può essere messo in discussione e anche perché, se l’occidente è in pace, non si può dire lo stesso del resto del mondo”, ha detto ricordando quello che sta accedendo in Siria. Riferendosi ai profughi che approdano sulle nostre coste, il sindaco ha poi aggiunto che “noi dobbiamo accoglierli perché è dovere degli essere umani, per essere testimoni viventi dell’opposizione a qualsiasi forma di violenza. Da molte parti si richiede il superamento divisioni, noi siamo favorevoli e protagonisti di questa svolta nella convinzione che solo rispettando i comuni valori possiamo costruire una società aperta e unita. Sono convinto che difendere e diffondere la conoscenza della tragedia delle foibe possa essere la ragione
superamento di assurde e anacronistiche contrapposizioni”, ha concluso.

Condividi questo articolo