"/>
giovedì 23 novembre 2017 19:49:53
omnimilano

Giornata dei Giusti celebra le donne
Cerimonia al Monte Stella per 6 figure femminili

4 marzo 2016 Cronaca

Sonita Alizadeh, rapper afghana, Halima Bashir, medico in Darfur, Vian Dakhil, deputata irachena, Flavia Agnes, avvocatessa indiana, e le due “madri coraggio”, Felicia Impastato e Azucena Villaflor. A loro saranno dedicati un albero e un cippo nel Giardino dei Giusti, il prossimo 8 marzo. “La resistenza morale e civile delle donne per la propria dignità come patrimonio universale” è infatti il tema scelto dall’Associazione Giardino dei Giusti di Milano, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l’UCEI – Unione Comunità Ebraiche Italiane, per la Giornata europea dei Giusti 2016. Istituita dal Parlamento europeo su proposta di Gariwo nel 2012 e insignita quest’anno per gli eventi di Milano della medaglia del Presidente della Repubblica, sarà celebrata con cerimonie, incontri, spettacoli e mostre, nei Giardini dei Giusti, nelle scuole, nei luoghi pubblici di molte città italiane ed europee, come a Roma, Firenze, Assisi, Palermo, Praga, Londra, Varsavia. A Milano, dal 6 all’8 marzo, Gariwo organizza una “tre giorni” dedicata alle donne che sono in prima fila nelle battaglie sociali e politiche ovunque nel mondo e si battono per vedere riconosciuti i propri diritti e la propria dignità.
In particolare nella data simbolica di martedì 8 marzo alle ore 11, ad essere onorate nella cerimonia pubblica al Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella. Un albero e un cippo saranno dedicati a Sonita Alizadeh, rapper afghana, Halima Bashir, medico in Darfur, Vian Dakhil, deputata irachena, Flavia Agnes, avvocatessa indiana, tutte impegnate a salvaguardare la dignità calpestata delle donne; e a due “madri coraggio”, Felicia Impastato e Azucena Villaflor, che – spiega l’associazione – non hanno esitato a sfidare la morte per difendere il proprio diritto a conoscere la sorte dei figli, perseguitati e uccisi per le proprie idee, dall’Argentina alla nostra Sicilia.
“Abbiamo voluto dedicare la quarta Giornata europea dei Giusti alle donne che, lottando per i loro diritti, contribuiscono alla crescita di tutta l’Umanità, a quanti resistono al terrorismo e all’integralismo islamico e a chi in Europa presta soccorso ai migranti e si batte per la loro integrazione – dichiara Gabriele Nissim, presidente di Gariwo – Siamo felici che, su impulso di Gariwo, ben quaranta città in Italia e in Europa celebrino questa Giornata, anche con la creazione di nuovi Giardini”.
“La battaglia combattuta da queste donne si allarga dalla condizione di genere alla difesa di ogni essere umano – sottolinea Ulianova Radice, direttrice Gariwo e coordinatrice dell’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano – Rifiutando di piegarsi ai diktat sociali e politici che le opprimono, queste “Giuste” hanno lottato non solo per se stesse, ma anche per i propri figli, mariti, amici, per tutte le donne e per tutti gli oppressi, per ogni perseguitato”.

Condividi questo articolo